cerca

«Ben Hur», su il sipario nel Millennium Dome

Insieme a «Titanic» (1997) e a «Il Ritorno del Re» (2003), è il film premiato con il maggior numero di premi Oscar, ben 11. Venne presentato fuori concorso al Festival di Cannes nel 1960 e dal 2004 è stato scelto per la preservazione nel National Film Registry della Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti. Ora è persino destinato a diventare un monumentale spettacolo teatrale che verrà allestito a settembre dell'anno prossimo nel Millennium Dome di Londra.
Il progetto è in realtà stato ideato già 15 anni fa dal produttore di origine tedesca Franz Abraham, che all'epoca nessuno prendeva in considerazione, ma la caparbietà dell'uomo ha dato ragione alla sua idea. Ora centinaia di animali, tra aquile, galline, cavalli, avvoltoi e cammelli, riempiranno il Millennium Dome per oltre due ore. Verrà riproposta la leggendaria corsa tra vere bighe trainate da 4 cavalli lungo 250 metri di percorso. E mentre gli spettatori delle prime file rischieranno di essere accecati dalla polvere sollevata dalle ruote, sarà allestita la scena di una battaglia navale con navi vere galleggianti sull'acqua. Decine di gladiatori combatteranno nell'arena, tra cruente crocifissioni che si alterneranno alla scena dell'orgia descritta nel libro di Wallace, che però venne censurata nel film. Ben Hur sarà ambientato nell'epoca in cui i romani fondarono Londinum sul Tamigi, passando con le loro truppe proprio dove ora si trova il Dome e Grennwich. Invece, secondo la Storia, i gladiatori combatterono vicino al Tower Bridge. Abraham ha intanto già venduto i 12 mila biglietti per i «Carmina Burana» di Orff, spettacolo da lui prodotto che andrà in scena a gennaio, sempre al Dome, con 250 interpreti.
Lo spettacolo su «Ben Hur» ricorderà il film, che prende il via con i re magi giunti alla grotta di Betlemme per adorare Gesù. La narrazione ha poi un salto in avanti di quasi trent'anni, quando in Giudea giunge il nuovo governatore romano Valerio Grato e, con lui, il nuovo comandante delle legioni, Messala, inviato per sopprimere le rivolte dei Giudei. Ben Hur è un ricco principe e mercante giudeo che, per difendere il suo popolo, entra in contrasto con Messala, suo amico d'infanzia che ridurrà Ben Hur alla schiavitù sulle galee. Lì Ben Hur sarà soccorso dal Messia, che misericordioso gli porgerà dell'acqua, precorrendo la sua imminente liberazione.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Degrado capitale, la stazione Termini è un gabinetto a cielo aperto VIDEO

La cassanata definitiva: "Ci ho ripensato, continuo a giocare"
Dopo le liti in tv relax al mare: Adriana Volpe in versione sirenetta
Roma, in viaggio seduti sul paraurti Così strappano un passaggio al tram

Opinioni