cerca

Eleonora Tosti Col suo metro e novantacinque di muscoli ...


Almeno quattro ore di seduta trucco ogni giorno affinché il protagonista, Ron Perlman, potesse assumere le sembianze di questo demone, fortemente ispirate all'iconografia classica: pelle rossastra, zoccoletti caprini, coda lunga e corna (leggermente smussate nel suo caso per apparire più umano). La rappresentazione di creature demoniache è sempre stata una fonte d'ispirazione notevole e suggestiva, nonché una grande sfida, per la letteratura, l'arte e il cinema. Satana, Lucifero, Belzebù, Belial, Mefistofele, Abbaddon, Asmodeo e Iblis: malgrado si conosca assai bene il variegato elenco dei suoi soprannomi e nomignoli il suo aspetto e il suo volto restano invece un vero mistero. Come rappresentarlo? Nella Genesi biblica, ad esempio, appare sotto forma di serpente tentatore al cospetto di Eva. Nella Commedia dantesca è l'imponente colosso imprigionato al centro del Cocito, l'enorme lago ghiacciato al fondo dell'Inferno. Nella tradizione medievale è descritto sempre come «brutto», «orribile», «terrificante» e «ripugnante». Operazione ben diversa invece quella di John Milton che, nel suo poema epico «Paradiso Perduto» del 1667, ne offre un ritratto insolito se non addirittura compassionevole: Satana, l'Angelo caduto, è un essere ambizioso che osa sfidare Dio, suo tirannico creatore. Una visione di bellezza maledetta talmente rivoluzionaria da spingere William Blake, ammiratore dell'autore e illustratore dell'opera, ad affermare: «Milton era un vero poeta, stava dalla parte del Diavolo senza saperlo» e a raffigurare Satana in una delle sue incisioni come un cordiale, vecchio gentiluomo.
La scultura e la pittura sacre hanno sempre cercato di rappresentare visivamente questa figura all'occhio terrorizzato dei fedeli: da Giotto all'Arena di Padova, fino al Michelangelo della cappella Sistina, anche se, della visione grottesca e terrificante del personaggio in questione, maestri indiscussi rimangono gli artisti nordici Pieter Bruegel e Hieronymus Bosch. Una delle rappresentazioni scultoree più in voga in questi ultimi anni è sicuramente l'inquietante «Diavolo dell'acquasantiera» che accoglie i visitatori all'ingresso della Chiesa di Rennes-Le-Châteaux la cappella dedicata a Maria Maddalena in cui s'intrecciano miti e leggende, resa celebre dal film «Il Codice da Vinci».
Anche il cinema ha scelto più volte di ispirarsi a questo terrificante personaggio, scontrandosi spesso con il problema della rappresentazione visiva. C'è chi ha scelto di raffigurarlo in maniera classica (pelle rossa, corna, coda e tridente) come Ridley Scott in «Legend» e chi in maniera comica come Roberto Benigni ne «Il Piccolo Diavolo». Grande competizione anche tra la versione compita di Robert De Niro/Louis Cyphre in «Angel Heart», quella carismatica di Al Pacino/John Milton in «L'Avvocato del Diavolo» e quella istrionica di Jack Nicholson/Van Horne ne «Le Streghe di Eastwick».

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Incendi, morte e paura: la California devastata dai roghi

Playboy, ecco la villa delle feste di Hefner con le conigliette
Diletta Leotta come non l'avete mai vista
Tutti in delirio per l'arrivo di Silvio Berlusconi alla convention di Fiuggi

Opinioni