cerca

Piccole e grandi opere dimenticate

Un repertorio di libri di alta letteratura mescolati a opere minori, avanguardie e capolavori consacrati, ordinati secondo un criterio cronologico e accuratamente descritti nella loro genesi e nelle loro peculiarità. Dai libri più diversi, che segnano un periodo, da Alberto Moravia a Guglielmo Petroni, da Pier Paolo Pasolini a Italo Calvino, sino a recuperi come Alberto Vigevani o Luisa Adorno. Si tratta di un vero e proprio dizionario di cultura italiana che inizia nel 1885 con «La canaglia felice» di Arrigo Cletti e si chiude con «Un'intuizione metropolitana» di Dario Voltolini del 1990: inizia quindi alla fine del XIX secolo e si chiude prima della fine del XX, attraversando tutte le principali correnti culturali. Le schede che lo compongono sono frutto di un'inevitabile selezione ma il criterio adottato da Davico Bonino, apprezzato docente universitario e grande bibliofilo, è stato quello di costruire uno strumento di servizio che potesse aiutare chiunque tra gli appassionati di letteratura a costruirsi una propria biblioteca di base o a trovare preziosi consigli di lettura per chi è alla ricerca di piccoli e grandi capolavori dimenticati.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Il camion dell'Atac blocca il tram. I passeggeri lo spostano a spinta

Victoria's Secret 2017: gli angeli conquistano la Cina
Roma, un Suv impazzito sfonda il muretto e finisce in giardino
A Rio de Janeiro va in scena Miss Bum Bum Premio al sedere più bello

Opinioni