cerca

I premi minori non baciano l'Italia

La Quinzaine des Realisateurs ha invece premiato "Eldorado" del belga Bouli Lanners (che ha anche vinto il premio Fipresci della Critica con "Delta" di Kornel Mundruczo e "Hunger" di Steve McQueen), il francese "Les bureaux de Dieu" di Claire Simon e lo slovacco "Blind Loves" di Juraj Lehotsky. Mentre il premio della Giuria Ecumenica è andato ad Atom Egoyan per "Adoration" e quello di Un Certain Regard a "Tulpan", di Sergey Dvortsevoy.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Il camion dell'Atac blocca il tram. I passeggeri lo spostano a spinta

Victoria's Secret 2017: gli angeli conquistano la Cina
Roma, un Suv impazzito sfonda il muretto e finisce in giardino
A Rio de Janeiro va in scena Miss Bum Bum Premio al sedere più bello

Opinioni