cerca

Folman: narro il massacro dei palestinesi fatto dai cristiani

Il film è la biografia del cineasta, che a 17 anni si è arruolò nell'armata israeliana durante la prima guerra libanese: «È un film sulla memoria perduta di molti soldati che, come me, sono stati colpiti dallo stress post-traumatico - ha detto il regista accusato di raccontare la strage di Sabra e Chatila dando la colpa alla sola milizia cristiana -. Qualcuno forse non ci crederà, ma Israele è un Paese aperto e la responsabilità del massacro non è delle truppe israeliane: comunque, non volevo fare un'inchiesta, ma solo un film contro la guerra dove i soldati sono solo pedine mosse dai loro capi».
D. D'I.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Degrado capitale, la stazione Termini è un gabinetto a cielo aperto VIDEO

La cassanata definitiva: "Ci ho ripensato, continuo a giocare"
Dopo le liti in tv relax al mare: Adriana Volpe in versione sirenetta
Roma, in viaggio seduti sul paraurti Così strappano un passaggio al tram

Opinioni