cerca

La paura delle merci contraffatte ha almeno 5mila anni ...


I primi esempi di tappi «personalizzati», afferma David Wengrow nel suo studio pubblicato da «Current Anthropology», sono datati almeno 8mila anni, ma la loro diffusione massima è stata raggiunta tremila anni più tardi, quando con l'urbanizzazione i residenti della città iniziarono ad avere problemi con beni di dubbia provenienza.
«I simboli che ho trovato su tappi e coperchi - scrive l'archeologo - avevano un ruolo importante nel rassicurare la popolazione sulla qualità e la provenienza di beni come olio e vino. Ce ne sono alcuni che addirittura garantiscono il "controllo di qualità" rispetto a un metodo di produzione standardizzato, come succede oggi».
I tappi di terracotta studiati da Wengrow provengono dall'odierna Uruk, in Iraq, dove 5mila anni fa c'era un insediamento di 20mila persone.
I disegni incisi, che secondo l'archeologo sono anche le prime incisioni meccaniche mai trovate, sono stati sempre scambiati per forme artistiche, ma per lo studioso questa è una teoria errata.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Degrado capitale, la stazione Termini è un gabinetto a cielo aperto VIDEO

La cassanata definitiva: "Ci ho ripensato, continuo a giocare"
Dopo le liti in tv relax al mare: Adriana Volpe in versione sirenetta
Roma, in viaggio seduti sul paraurti Così strappano un passaggio al tram

Opinioni