cerca

Sbagliato distinguere i concorrenti dagli artisti supervip

Il problema è che in un Festival con 20 cantanti in gara, i super ospiti italiani non dovrebbero essere presenti. Non ha senso, nè logica, prevedere cantanti in gara ed altri ospiti. Che hanno di diverso i super ospiti dagli altri? Forse i primi vendono più dischi, forse hanno una popolarità maggiore, ma la verità è un'altra. Quando i direttori artistici che si sono alternati negli ultimi anni hanno avuto difficoltà a ingaggiare cantanti di chiara fama per la gara ed hanno dovuto scegliere un cast di seconda scelta o a volte addirittura scarso, si sono inventati la categoria dei super ospiti per nascondere il loro fallimento. In un Festival serio non possono esserci "figli e figliastri", cantanti di categoria A ed altri di B. Antonello Venditti, invitato quest'anno come super ospite, ha dichiarato: «Ho un senso di disagio a partecipare alla manifestazione e vedere altri colleghi in gara». L'artista romano ha dimostrato grande sensibilità che evidentemente non hanno avuto i vari direttori artistici del Festival. Negli anni 90, in gara al Festival, c'erano artisti come i Pooh, Renato Zero, Riccardo Cocciante, Gino Paoli, Gianni Morandi e tanti altri che in questi ultimi anni abbiamo visto al Festival come super ospiti. Che questa categoria debba sparire non ci sono dubbi, certo bisogna creare un regolamento che possa tutelare i grandi artisti per la loro partecipazione.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Degrado capitale, la stazione Termini è un gabinetto a cielo aperto VIDEO

La cassanata definitiva: "Ci ho ripensato, continuo a giocare"
Dopo le liti in tv relax al mare: Adriana Volpe in versione sirenetta
Roma, in viaggio seduti sul paraurti Così strappano un passaggio al tram

Opinioni