cerca

«È combine» Ma la Rai smentisce

«Non è stato un incontro facile», ha ammesso poi Pippo: «Si è molto disperata, questa cosa rischia di trasformarsi in una sconfitta per la sua vita». Anche per questo, è delicato investigare su quella frase criptica pronunciata dall'artista la sera prima, in diretta: «Questa canzone è tutta mia». Tutti l'avevano letta come una classica dichiarazione dell'eccentrica diva, la dietrologia è scattata dopo, a esclusione avvenuta, quando qualcuno, citando "ambienti Rai", parlava di una "combine". Qualcuno sapeva? Un colpo di scena orchestrato dietro le quinte? Subito partivano le minacce di querele. Come sia, la Bertè ci guadagna, sul piano puramente artistico: esce dal festival come vittima, e trionfatrice morale.
Il caso era scoppiato al mattino, quando il mondo si era ricordato improvvisamente di un pezzo dalla stessa musica, pubblicato venti anni prima, e che aveva fruttato la "bellezza" di trentamila lire in diritti d'autore al talentuoso Alberto Radius (storico chitarrista della Formula Tre) e ad Alberto Avogadro. Tullio De Piscopo, coproduttore dell'originale "Sesto senso" lanciava il sasso: l'inteprete di allora, Ornella Ventura, si diceva «amareggiata» dal plagio. Radius, che aveva sempre sostenuto la tesi di un vecchio nastro inedito ritrovato in un cassetto e poi riadattato per l'irruenza rock della Bertè, si trincerava dietro un «non ricordo» degno di un adepto di mammasantissima. Possibile? Per tutta la giornata scattava la corsa alla "protezione" di Lory, temendo che desse fuori di testa. I dirigenti Rai facevano bollire il pentolone della suspence, mentre la popstar andava modulando, in fasi crescenti, la sua fiera contrarietà agli eventi: prima giurando che «tutto è regolare», poi ammettendo che «una cassetta esiste, ma le parole nemmeno si capivano». Attenzione: cinque minuti dopo che le agenzie rimbalzavano il primo sospetto di plagio, Baudone si lasciava scappare davanti ai giornalisti, tra il serio e il faceto: «Questo scandalo ci voleva, il festival è un mortorio». Da qualunque parte la si veda, è la verità.
Ste. Man.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Degrado capitale, la stazione Termini è un gabinetto a cielo aperto VIDEO

La cassanata definitiva: "Ci ho ripensato, continuo a giocare"
Dopo le liti in tv relax al mare: Adriana Volpe in versione sirenetta
Roma, in viaggio seduti sul paraurti Così strappano un passaggio al tram

Opinioni