cerca

In corsa agli Oscar l'italiano Andrea Jublin con «Il supplente»

30di notte). Star costrette quindi a sfilare su un red carpet bagnato e in una cerimonia che per settimane è stata minacciata dallo sciopero degli sceneggiatori e dal conseguente boicottaggio degli attori.
Per dare un tocco di ironia alla presentazione della consegna degli Oscar dal Teatro Kodak, è stato scelto il comico Jon Stewart, mentre su Hollywood Boulevard gli ombrelli erano l'accessorio più indispensabile. D'accordo i critici americani sui film favoriti: "Non è un paese per vecchi" dei fratelli Coen seguito da "Il Petroliere" di Paul Thomas Anderson e, con un po' di distacco, "Michel Clayton" di Tony Gilroy, "Espiazione" di Joe Wright e "Juno" di Jason Reitman. I Coen erano in pole position anche per la regia, ma con la concorrenza fortissima di Anderson e Julian Schnabel, regista de "Lo scafandro e la farfalla".
Proprio per quest'ultima pellicola era superfavorito come miglior attore protagonista Daniel Day Lewis, incalzato da George Clooney ("Michael Clayton"), Johnny Depp ("Sweeney Todd"), Tommy Lee Jones ("La valle di Elah") e di Viggo Mortensen ("La promessa dell'assassino"). Tra le attrici, apprezzatissima Cate Blanchett ("Elizabeth, the golden age"), ma accanto scalpitava la commovente Julie Christie ("Away from her") e poi Marion Cotillard ("La vie en rose"), Laura Linney ("La famiglia Savage") e la deliziosa Ellen Page per "Juno". Grandi nomi spiccavano anche tra gli attori non protagonisti, a cominciare dal supernominato Javier Bardem ("Un paese per vecchi" dei Coen) e Saoirse Ronan ("Espiazione").
Il tifo tricolore è stato in ogni caso vivo fino all'ultimo per Andrea Jublin, in gara con il cortometraggio "Il supplente"; per il pluripremiato Dante Ferretti e Francesca Lo Schiavo (autori delle scenografie di "Sweeney Todd"); per Dario Marianelli con il tema musicale di "Espiazione" e per Marco Beltrami per il tema musicale di "Quel treno per Yuma".
La commedia "Juno" ha dominato gli Independent's Spirit Awards (Oscar del cinema a basso costo) conquistando miglior film, migliore attrice protagonista (Ellen Page) e migliore prima sceneggiatura (la ex-spogliarellista Diablo Cody): come al solito la cerimonia si è svolta alla vigilia degli Oscar, sulla spiaggia di Santa Monica, alla presenza di Angelina Jolie e Brad Pitt, Cate Blanchett, Dustin Hoffman e Meg Ryan. I Raspberry Awards, i Razzies per i peggiori attori, sono invece andati a Lindsay Lohan e Eddie Murphy.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Incendi, morte e paura: la California devastata dai roghi

Playboy, ecco la villa delle feste di Hefner con le conigliette
Diletta Leotta come non l'avete mai vista
Tutti in delirio per l'arrivo di Silvio Berlusconi alla convention di Fiuggi

Opinioni