cerca

Andrea Giordana Otello, un ruolo che le si addice? «In un ...


Nello spettacolo recita anche suo figlio Luca nel ruolo di Cassio, contento?
«Assolutamente sì una grande esperienza insieme a mio figlio, perché costruire con lui credo sia il sogno di ogni genitore con il proprio figlio. E poi lui è molto bravo».
La gelosia, ohimè, la conosce?
«Sono uno che la gelosia l'ha conosciuta verso i diciassette diciotto anni, anche in una forma esagerata. Ora sono diventato più saggio. Con la barba e gli anni».

Ma cos'è la gelosia?
«Come Shakespeare un mostro dagli occhi verdi che finisce proprio per accecarti. È sicuramente la mancanza di conoscenza dell'altro, della persona amata, quindi ancora una mancanza di fiducia totale».
Recita per sé, per gli altri o per l'eternità?
«Mi accontento di recitare per me e per gli altri».
La recitazione una terapia?
«Sì, certamente è una sorta di autoanalisi fatta attraverso l'analisi del personaggio e la scoperta delle pieghe caratteriali che si hanno o non si hanno in comune».
Il Conte di Montecristo un dolce ricordo?
«Un bel ricordo. Quanti anni sono passati. Come sono cambiato. In meglio o in peggio non sta a me dirlo».
Perché non recita per l'eternità?
«Dio sicuramente ama gli attori, starà a lui l'ultimo giudizio».

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Incendi, morte e paura: la California devastata dai roghi

Playboy, ecco la villa delle feste di Hefner con le conigliette
Diletta Leotta come non l'avete mai vista
Tutti in delirio per l'arrivo di Silvio Berlusconi alla convention di Fiuggi

Opinioni