cerca

Turcato, alla ricerca del colore perduto

Ora un'imponente mostra antologica ospitata fino al 2 marzo dal Museo "Vittoria Colonna" e dall'Ex Aurum di Pescara e curata da Silvia Pegoraro con la decisiva collaborazione dell'Archivio Turcato rappresenta il miglior omaggio possibile. Un centinaio di opere comprese fra il 1937 e il 1992 tracciano il suo intero percorso fondato sulla leggerezza. In tutti i suoi quadri e nelle sculture c'è quasi l'invito a lasciarsi portar via in luminescenti spazi cosmici che Turcato sentiva a portata di mano. Ma c'è anche la capacità di portare alla superficie della pittura tutto il palpito del visibile.

G. S.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Degrado capitale, la stazione Termini è un gabinetto a cielo aperto VIDEO

La cassanata definitiva: "Ci ho ripensato, continuo a giocare"
Dopo le liti in tv relax al mare: Adriana Volpe in versione sirenetta
Roma, in viaggio seduti sul paraurti Così strappano un passaggio al tram

Opinioni