cerca

Addio a Scheider il duro dal cuore d'oro che uccise «Lo squalo»

Era gravemente ammalato.
Durante la lunga carriera Scheider aveva ottenuto due nomination all'Oscar: la prima, nel 1972, come miglior attore non protagonista in «Il braccio violento della legge» e poi nell'80 per il ruolo di protagonista in «All That Jazz» di Bob Fosse. Sua l'interpretazione del cinico fratello di Dustin Hoffman ne «Il maratoneta». Fu invece un bonario capo della Cia in «La Casa Russia», con Sean Connery, nel '90. Poi abbandonò quasi del tutto il grande schermo per dedicarsi alla tv. Tante parti da duro, ma in realtà Scheider era un grande professionista e anche un appassionato di sport, in particolar modo di baseball e boxe, che da giovane praticò. In seguito appese i guantoni al chiodo, si diede al teatro e iniziò a frequentare i corsi di recitazione. Partecipò anche a una pellicola italiana: «Texas '46» (2002) di Giorgio Serafini, con Luca Zingaretti.
A. A.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Gracia De Torres e Daniele Sandri: il nostro matrimonio gipsy bohemian [VIDEO]

Il Tricolore atterra sui Fori Imperiali: ecco il lancio mozzafiato del paracadutista della Folgore
Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro
Choc a Roma: si lancia dal tetto, i poliziotti lo afferrano per le caviglie