cerca

La protagonista di 'Scusa ma ti chiamo amore': <br/>"I giovani d'oggi pensano a lavoro e famiglia"

La protagonista di 'Scusa ma ti chiamo amore': <br/>"I giovani d'oggi pensano a lavoro e famiglia"

Michela Quattrociocche

Niki frequenta l'ultimo anno delle scuole superiori. Passa il suo tempo con un fidato gruppo di amiche, in quattro tra discoteche feste e vari eventi. E Niki vive un'intensa storia d'amore con Alex - Raoul Bova -, un giovane uomo di quasi trentasette anni, abbandonato dalla sua fidanzata storica».
Dove è nata?
«A Roma, i miei genitori sono impiegati romani e separati. Ho un fratello di quindici anni».
Da bambina com'era?
«Una bambina vivace anche se a primo impatto molto timida. Avevo bisogno di prendere un po' di confidenza per mostrare tutto il mio lato estroverso».
Quando ha deciso di fare l'attrice?
«Ho visto per la prima volta il film "Colazione da Tiffany", mi è subito venuto il desiderio di diventare attrice».
Ha fatto molti provini?
«Tanti e per film senza successo».
Ha girato mai pubblicità?
«Ho prestato il mio volto a qualche campagna pubblicitaria».
L'amore non ha età?
«No l'amore è un sentimento troppo forte per avere limiti».
Quanto conta la differenza d'età in un rapporto di coppia?
«Niente, bisogna preoccuparsi dei valori dell'altra persona e non dell'età».
Se l'uomo si innamora di una ventenne viene guardato con ammirazione e anche invidia, se una donna si innamora di un uomo più giovane non viene certamente giudicata bene. È giusta questa discriminazione?
«Non è giusto ma purtroppo spesso è così. Spero si possa cambiare opinione in merito».
Chi sono i giovani oggi e cosa cercano? Vogliono entrare nella realtà o sfuggirla?
«I giovani di oggi, parlo per me e per le mie esperienze, cercano basi solide nella famiglia, nell'amore e nel lavoro. Chi non trova questi valori sfugge la realtà magari, purtroppo, con la droga».
I giovani d'oggi hanno difficoltà a diventare grandi e maturi?
«No».
Si è mai chiesta «questo rapporto non è per me?», «questo rapporto va bene per me?»
«Sì, il rapporto genitori figli è un rapporto di vicinanza o di distanza, vicinanza e comprensione».
Si sente più bella o più brava?
«Più brava».
L'amore è una cosa semplice.
«Sì, assolutamente sì».
Ha trovato l'amore?
«Sì l'ho trovato da sette mesi e mi auguro sia per sempre».

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Incendi, morte e paura: la California devastata dai roghi

Playboy, ecco la villa delle feste di Hefner con le conigliette
Diletta Leotta come non l'avete mai vista
Tutti in delirio per l'arrivo di Silvio Berlusconi alla convention di Fiuggi

Opinioni