cerca

Tra le proteste Riina al traguardo

Lo ha detto ieri l'eurodeputato Claudio Fava, co-sceneggiatore della fictiono di Canale 5 "Il capo dei capi", la cui ultima puntata è andata in onda ieri sera. Fava ha così replicato alle critiche giunte dal presidente dell'Osservatorio sui diritti dei minori, Antonio Marziale, dal ministro Mastella e dal procuratore antimafia Piero Grasso. «La mafia è violenza, ferocia, viltà; ma è anche potere, collusione, contiguità - ha aggiunto Fava - Il torto de "Il capo dei capi", secondo taluni benpensanti, è quello di avere restituito a Cosa Nostra tutta la sua drammatica complessità. Il ministro Mastella avrebbe preferito un bel western, buoni e cattivi, saraceni e paladini, come in un'opera dei pupi. Ma la mafia è altra cosa».

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Degrado capitale, la stazione Termini è un gabinetto a cielo aperto VIDEO

La cassanata definitiva: "Ci ho ripensato, continuo a giocare"
Dopo le liti in tv relax al mare: Adriana Volpe in versione sirenetta
Roma, in viaggio seduti sul paraurti Così strappano un passaggio al tram

Opinioni