cerca

Sermonti: «Benigni rovina Dante»

«Ho 78 anni e mi dispiace lasciare il campo a questo tipo di divulgazione allegra - prosegue - Dante è duro e severo e ci vuole durezza e severità per capirlo. Un'operazione delicatissima, che non si può fare alla buona».
«Per leggere Dante - conclude - ci vuole uno scrittore e non un attore che, per quanto intelligente e attrezzato professionalmente, ha la tendenza a leggere un testo nel modo migliore possibile. Ma così facendo rischia di farsi sopraffare dalla sua bravura».

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Il camion dell'Atac blocca il tram. I passeggeri lo spostano a spinta

Victoria's Secret 2017: gli angeli conquistano la Cina
Roma, un Suv impazzito sfonda il muretto e finisce in giardino
A Rio de Janeiro va in scena Miss Bum Bum Premio al sedere più bello

Opinioni