cerca

Sermonti: «Benigni rovina Dante»

«Ho 78 anni e mi dispiace lasciare il campo a questo tipo di divulgazione allegra - prosegue - Dante è duro e severo e ci vuole durezza e severità per capirlo. Un'operazione delicatissima, che non si può fare alla buona».
«Per leggere Dante - conclude - ci vuole uno scrittore e non un attore che, per quanto intelligente e attrezzato professionalmente, ha la tendenza a leggere un testo nel modo migliore possibile. Ma così facendo rischia di farsi sopraffare dalla sua bravura».

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Il tavolo per rilanciare Roma inizia tra le proteste

La straordinaria danza dei delfini al largo di Capri
Incendi, morte e paura: la California devastata dai roghi
Playboy, ecco la villa delle feste di Hefner con le conigliette

Opinioni