cerca

Sermonti: «Benigni rovina Dante»

«Ho 78 anni e mi dispiace lasciare il campo a questo tipo di divulgazione allegra - prosegue - Dante è duro e severo e ci vuole durezza e severità per capirlo. Un'operazione delicatissima, che non si può fare alla buona».
«Per leggere Dante - conclude - ci vuole uno scrittore e non un attore che, per quanto intelligente e attrezzato professionalmente, ha la tendenza a leggere un testo nel modo migliore possibile. Ma così facendo rischia di farsi sopraffare dalla sua bravura».

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Degrado capitale, la stazione Termini è un gabinetto a cielo aperto VIDEO

La cassanata definitiva: "Ci ho ripensato, continuo a giocare"
Dopo le liti in tv relax al mare: Adriana Volpe in versione sirenetta
Roma, in viaggio seduti sul paraurti Così strappano un passaggio al tram

Opinioni