cerca

Tommaso Gandino<br/> <br/> Fabrizio Frizzi svela i suoi ...

La ricerca della qualità contro risse e pietismo».
Qual è la tv moderna e la tv obsoleta?
«La tv moderna è calda di idee, professionalità e partecipazione emotiva, come l'ultimo festival di Sanremo. Pippo Baudo, deu ex machina della manifestazione, si rifaceva alla gara del '95: un meccanismo riadattato ai nostri tempi. La tv obsoleta è invece quella che non si rinnova mai».
Come si lavora in un'azienda come la Rai?
«Nel '92 rifiutai un contratto principesco con Mediaset. La Rai è stata la mia mamma, al 90%. Poche volte è stata matrigna ostacolando le mie passioni».
Una persona che ammira particolarmente in tv.
«È il Baudo di oggi che sembra il Baudo degli anni Ottanta. Pippo ora si diverte e ha più capacità di sdrammatizzare».
Quale è stato il programma più complicato da realizzare?
«"Scommettiamo che", di Michele Guardì: cinque giorni lavorativi faticosi fino a tarda notte. Guardì sul lavoro è un uomo duro e leale, al di fuori è una persona preziosa che sento assiduamente».
Da gennaio le "Identità nascoste" sostituiranno i pacchi di "Affari tuoi". Frizzi al posto di Insinna?
«Così si dice. "I soliti ignoti" è stata un'impresa estiva di cui vado fiero. Spero di tornare presto alla rete ammiraglia di viale Mazzini».

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Trump "passa" il check up: qualche chilo di troppo ma salute eccellente

Tartaruga imprigionata nella plastica nel mare delle Eolie
Sos coccodrillo, da un anno gira con uno pneumatico al collo
Sony lancia il cane robot intelligente: si chiama Aibo