cerca

Carlo Antini c.antini@iltempo.it «I leader politici non ...


Roberto Vecchioni, nel suo nuovo lavoro la politica è messa un po' da parte. È il segnale di una sorta di disillusione?
«No. Non sono un disilluso. Penso soltanto che i leader politici non siano credibili. Apprezzo Fassino e il partito democratico ma voglio vedere i fatti, quelli che non ci sono stati né con il governo D'Alema né con quello Berlusconi. La Sinistra non è sempre lucida e l'attuale Governo deve migliorare la comunicazione. Ci sono troppi battibecchi e questo mi dà fastidio».
La sua critica colpisce entrambi gli schieramenti?
«Sì. L'Italia è diventata un fenomeno da baraccone. Ma devo dire la verità, nello staff di Fini ho incontrato persone oneste e l'onestà è una costante della Destra italiana. Sono persone coerenti che credono in quello che fanno».
La situazione di stallo coinvolge anche il mondo della scuola?
«La scuola è un vero casino e non è neppure riformabile in tempi stretti. Ci vogliono almeno dieci anni e il lavoro di poche persone. Le commissioni troppo numerose non servono proprio a niente»
Ce l'ha la ricetta per uscire dalla crisi?
«Bisogna cambiare i valori che si trasmettono. Ai giovani manca un'educazione emotiva: vogliono salire nella scala sociale ma non conoscono la bellezza e l'arte. In altre parole non sanno cosa sia l'umanesimo».
Tornando alla musica, qual è il filo conduttore del nuovo album?
«L'equilibrio tra parole e note. Dentro c'è tutto, dalla canzone d'autore a quella popolare, dal rock agli chansonnier francesi. Sono molto soddisfatto del mio lavoro e continuo a credere in me».
«Di rabbia e di stelle» è una sorta di viagggio verso la speranza. Dove ha tratto ispirazione?
«Negli ultimi anni ho attraversato momenti molto difficili che hanno riguardato anche la mia sfera privata. È il dolore che mi ha spinto verso la Fede. Ci sono situazioni da cui non si esce se non aggrappandosi a qualcosa che va oltre il visibile».
Nelle librerie è appena arrivato «Di sogni e d'amore», una raccolta di poesie scritte tra il '60 e il '64. Come nasce l'idea?
«Per caso. Le poesie sono state raccolte da mia madre e conservate negli anni. La pubblicazione è stata decisa praticamente a mia insaputa».

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Il tavolo per rilanciare Roma inizia tra le proteste

La straordinaria danza dei delfini al largo di Capri
Incendi, morte e paura: la California devastata dai roghi
Playboy, ecco la villa delle feste di Hefner con le conigliette

Opinioni