cerca

«I film? Sono noiosi Meglio storie più lievi»

Nella sua carriera cinematografica ha fatto cose veramente esecrabili, ma nella vita reale è un personaggio colto, raffinato e che si commuove con facilità.
Alla Festa del Cinema ha presentato un film brillante (con misura): «The Dukes», opera prima alla regia, nella quale racconta le avventure di due cantanti non più giovani e non più famosi che, per tirare avanti, devono inventarsi un po' di tutto. Davi è anche il produttore, sceneggiatore e interprete insieme a Chazz Palminteri e Peter Bogdanovich. Nella colonna sonora tantissimi brani di Paolo Conte e poi di Sergio Bruni e Luciano Pavarotti. Davi è di origine italiana, parla un italiano migliore di tanti letterati di casa nostra e per il Belpaese ha una vera adorazione: «I primi film che ho visto? Fellini, Rossellini, De Sica, Pasolini - e prosegue parlando di musica - Di Paolo Conte amo l'umorismo e la sensibilità. Ho tutti i suoi cd che spesso regalo ai miei amici. È un cantante capace di parlare all'uomo comune con una semplicità universale. Bruni l'ho messo invece perché rappresenta la tradizione e infine Pavarotti come transizione tra questi due mondi».
Davi ha partecipato a tanti film d'azione ma per la sua «creatura» voleva qualcosa di diverso: «Desideravo raccontare il passaggio dalla fase industriale a quella tecnologica, attraverso un gruppo di persone come i "The Dukes" che si ritrovano a un certo punto superati e non riescono più a fare quello che facevano prima». E per il futuro: «Voglio lavorare a New York il prossimo autunno a un nuovo film su un gruppo di siciliani in America e nel cast ho pensato anche a Riccardo Scamarcio, che ho già contattato. E poi vorrei fare anche un film da girare a Roma... questa è una promessa».

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Trump "passa" il check up: qualche chilo di troppo ma salute eccellente

Tartaruga imprigionata nella plastica nel mare delle Eolie
Sos coccodrillo, da un anno gira con uno pneumatico al collo
Sony lancia il cane robot intelligente: si chiama Aibo