cerca

Il ritratto più famoso «rubato» a Korda dal compagno Feltrinelli

Eppure non ha fatto ricco chi scattò quella foto, Alberto Korda, il fotografo di Fidel Castro scomparso nel 2001. Come andò me lo raccontò Korda stesso, quando lo incontrai a Roma. «La storia di quello scatto cominciò il 5 marzo del 1960. Si celebravano in piazza, a l'Avana, i funerali di 136 operai morti a causa di un attentato della Cia. Sul palco c'erano Sartre e Simone de Beauvoir. C'era anche Guevara, nascosto dietro agli altri. Ad un certo punto si fece avanti, per guardare la folla. Fu un attimo, feci gli ultimi due scatti del rullino».
Il secondo atto poco prima della morte del Che in Bolivia. Nello studio di Korda si presenta uno sconosciuto. Vede la foto del Che appesa al muro, ne chiede due copie. «Voleva pagarmi - mi disse Korda - io gliele regalai. Non sapevo che era Giangiacomo Feltrinelli». Il Che morì, l'editore italiano stampò con quella foto un milione di poster. Ma il nome di Korda, sotto, non c'era.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Degrado capitale, la stazione Termini è un gabinetto a cielo aperto VIDEO

La cassanata definitiva: "Ci ho ripensato, continuo a giocare"
Dopo le liti in tv relax al mare: Adriana Volpe in versione sirenetta
Roma, in viaggio seduti sul paraurti Così strappano un passaggio al tram

Opinioni