cerca

GODARD

L'avanguardia è vicina al paradiso

Da tempo il cinema di Godard ha perso i connotati del film tradizionale; sempre più va interpretato come arte visiva in movimento, nella sua incessante voglia di sperimentare, modificare le immagini e il loro senso. Godard dice che la struttura anti-narrativa del racconto va letta in tre parti corrispondenti all'inferno, al purgatorio e al paradiso e che solo la parte intermedia occupa uno spazio concluso, con la sua ambientazione a Sarajevo in occasione della Fiera europea del libro. Si esce dalla sala nell'unico stato d'animo che il regista desidera suscitare: con più interrogativi che risposte nella mente.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Degrado capitale, la stazione Termini è un gabinetto a cielo aperto VIDEO

La cassanata definitiva: "Ci ho ripensato, continuo a giocare"
Dopo le liti in tv relax al mare: Adriana Volpe in versione sirenetta
Roma, in viaggio seduti sul paraurti Così strappano un passaggio al tram

Opinioni