cerca

ARDITE SOLUZIONI SCENICHE DEL REGISTA TEDESCO AL TEATRO GRECO DI SIRACUSA

Come ogni anno, lo straordinario teatro greco di Siracusa torna a vivere in questi giorni, grazie agli spettacoli dell'Inda, Istituto nazionale del dramma antico, che compie i 90 anni questa estate.
Sulle millenarie gradinate di pietra bianca migliaia e migliaia di spettatori italiani e stranieri arrivano alla fine del pomeriggio e ascoltano le parole arcaiche dei poeti greci fin dopo il tramonto. La novità più attesa quest'anno è la regia di Peter Stein, il maestro del teatro tedesco, che ha frequentato la tragedia greca in varie occasioni e in varie lingue, ma mai prima d'ora qui a Siracusa, che è un po' la capitale mondiale della tragedia.
Stein affida la sua regia di «Medea» soprattutto a due elementi forti: una scansione netta e precisa di tutto il testo, affidato all'interpretazione ragguardevole di Maddalena Crippa; e un finale sorprendente, frutto di ardimento e di tecnologia. Infatti, dopo aver avvelenato la nuova moglie di suo marito Giasone, dopo aver ucciso per vendetta i suoi stessi figli, Medea - secondo Euripide - si allontana nel cielo su un carro trainato dal sole.
Stein prende alla lettera questa conclusione, facendo salire la sua attrice per 20-30 metri, appesa ad una gru insieme ad un "sole" di 450 lampade da 500 watt: un effetto tecnologico (che richiede grande coraggio da parte della Crippa) coerente con l'arcaica soluzione immaginata da Euripide.
Per «Edipo» la regia di Roberto Guicciardini punta sulla energia fisica e l'attitudine atletica del suo protagonista: Sebastiano Lo Monaco, attore siciliano, da 25 anni in palcoscenico; e insieme su un coro di 30 giovani, che si trasforma quasi in balletto contemporaneo; una soluzione parzialmente riuscita, ma che ammoderna in chiave interessante l'elemento più difficile per noi contemporanei della tragedia greca: il coro, appunto.
Non sempre tale soluzione risulta efficace, ma la presenza di Mario Scaccia, il decano degli attori italiani, nei panni dell'indovino Tiresia; e quella di Francesca Benedetti, che interpreta la regina Giocarta, insieme all'atletismo di Lo Monaco fanno scattare applausi convinti da tutta l'immensa platea di Siracusa.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Fra cascate e rocce lo spettacolo mai visto dei tuffi no-limits

Il tavolo per rilanciare Roma inizia tra le proteste
La straordinaria danza dei delfini al largo di Capri
Incendi, morte e paura: la California devastata dai roghi

Opinioni