cerca

Il metodo del dubbio di Sterpa giornalista prestato alla politica

Ed è questo: «Sterpa è un giornalista prestato alla politica. Ed è uno dei politici la cui frequentazione mi rincuora anziché deprimermi. È sensato, leale e non ha mia perso il contatto con la realtà profonda del Paese».
Gli articoli che Sterpa offre al lettore sono apparsi tra il 2002 e il 2003, e sono ora ripresentati un po' alla rinfusa, senza seguire l'ordine cronologico, ma attenendosi a un ordine più intimo, quello dell'autore, e a quello più coerente che è dato dal loro significato storico.
Egli dice subito che ha scritto ricorrendo al «metodo del dubbio», cioè senza sentirsi legato a questo o a quell'orientamento politico. Neppure al proprio: il liberale. Per quanto nel titolo, come si è visto, egli si richiama proprio al suo credo politico cui è da sempre fedele, sebbene oggi la Casa delle Libertà gli appaia come il più sicuro rifugio. Insomma, lo dice lui stesso, questi brani sono scritti «controcorrente», e sono persino un po' «corsari». Del resto, se non fosse così che gusto ci sarebbe a fare il giornalista? In verità, ogni giornalista che si rispetti dovrebbe avere un suo specifico modo di essere. Ed è proprio questo fatto che in realtà rende così diversi i giornali gli uni degli altri: non soltanto per l'eventuale orientamento politico, ma soprattutto per il modo di essere dei giornalisti. E in particolare dei grandi giornalisti, come è appunto Sterpa, il quale si conferma tale in questa sua nuova raccolta di scritti.
Sarò parziale, ma mi pare che emergano tre personaggi da queste pagine: il Cavaliere, il senatùr e Fini per il quale ultimo non mi sembra che ci sia un soprannome. Sterpa, nei confronti del Cavaliere, teme qualcosa: cioè che egli non sempre stia al timone, per cui scrive: «L'impressione è che spesso egli lo lasci ad altri». A chi? Forse a Tremonti e forse a Bossi. Comunque è giusto pensare che solo Berlusconi ci dà garanzie di successo anche per il futuro. Un interrogativo: la coalizione di governo è unita? A considerare gli atteggiamenti di Bossi e anche di Fini, si direbbe di no. Ognuno a suo modo più che alla coalizione, più che a sostenere Berlusconi, pensa al proprio futuro. Per uno di essi dietro l'angolo c'è l'ombra di un palazzo che ha il nome di un principe.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Fra cascate e rocce lo spettacolo mai visto dei tuffi no-limits

Il tavolo per rilanciare Roma inizia tra le proteste
La straordinaria danza dei delfini al largo di Capri
Incendi, morte e paura: la California devastata dai roghi

Opinioni