cerca

Sul video le opere epiche dell'italo-napoletano Russo

SKY CULT

Ieri, a Napoli, nell'auditorium dello storico Teatro Bellini, l'attore e regista partenopeo ha presentato alla stampa, e a un pubblico di fedelissimi, alcuni estratti delle due puntate (con il titolo «Epico Italiano», la seconda sarà su Cult l'8 maggio, alla stessa ora)
Da «Cafè Chantant» a «Scugnizza», da Shakespeare a Viviani, estratti del vasto repertorio di Tato Russo si alternano ai commenti e alle rivelazioni dell'autore sul suo modo di scrivere e allestire i testi e sulla sua «doppia anima», napoletana e nazionale.
Tato Russo, di forte emozione sono parse soprattutto le immagini di «Viva Diego», il musical del '96, dedicato a Maradona. Perché ha atteso tanto per portarlo in tv?
«"Viva Diego" lo voleva Raidue. Venne in Teatro, a Napoli, l'ex direttore Freccero che progettava di farne un evento televisivo. Ma a quel tempo, avevo forti riserve sul modo in cui la Tv trattava il Teatro e rifiutai. Stavolta, è diverso, perché il programma di Cult non specula su un successo, ma è un documento completo sul mio Teatro. Perciò, ho acconsentito a che venissero inseriti quasi mezz'ora di brani di "Viva Diego", uno spettacolo che vorrei riprendere e portare in tutta Italia, ma ha un impianto costoso: vanno in scena ben cento attori».
Maradona ha gradito «Viva Diego»?
«Maradona ha saputo del musical e ci ha fatto sapere che gli aveva fatto molto piacere. Però, voglio precisare che il musical non riguarda direttamente la vita e la personalità di Diego Armando Maradona. In "Viva Diego" si canta e si danza sugli spalti dello stadio San Paolo, in occasione di un Napoli-Milan. Lo spettacolo è uno spaccato sociale di quello che significa il calcio per i napoletani e sul tipo di gente che riempie lo stadio, la domenica. Ci sono i borghesi, i ceti popolai, i camorristi, perfino suore e preti. Maradona fu capace di richiamare allo stadio ogni categoria sociale della città».
E allo stadio quella gente si trasformava?
«Certo. Ed è proprio questo che mostra "Viva Diego", anche con qualche aspetto che poi si è rivelato profetico, come la violenza negli stadi, e alcuni incidenti mortali. Maradona è un pretesto, non è il protagonista del musical. Il protagonista è il pubblico della partita di calcio, che a Napoli, ai tempi di Diego, era vissuta come una grande festa, quasi un gioioso rituale pagano».
Dopo «Viva Diego» ci sono stati «I promessi Sposi» da Manzoni, e «Il ritratto di Dorian Gray» da Oscar Wilde. Qual è la differenza tra i suoi musical e altri, come «Il gobbo di Notredame» o «Tosca»?
«In Italia, c'è la commedia musicale, lanciata dalla celebre ditta Garinei e Giovannini, e questi spettacoli recenti che sono composti da una serie di canzoni su un certo tema. Lì prevale la musica. Nei miei lavori, invece, è la drammaturgia teatrale a guidare le parti musicali. Pertanto, la storia si segue bene, i personaggi sono chiari e la gente se ne ricorda anche dopo, non gli resta solo un motivo da canticchiare. I miei musical seguono l'impostazione del melodramma. Infatti, penso che il musical dovrebbe essere prodotto e messo inscena dai Teatri d'Opera».

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Incendi, morte e paura: la California devastata dai roghi

Playboy, ecco la villa delle feste di Hefner con le conigliette
Diletta Leotta come non l'avete mai vista
Tutti in delirio per l'arrivo di Silvio Berlusconi alla convention di Fiuggi

Opinioni