cerca

di ENRICO CAVALLOTTI «FIDELIO, o L'amore coniugale» di Beethoven è l'opera di teatro musicale ...

Ma, di là da ciò, Fidelio è un capolavoro di purissima essenza poetica, che travalica i secoli e le epoche storiche: fra i capolavori assoluti, accanto a quelli di Mozart e di Wagner, lungo l'egemonica direttiva austro-tedesca, che succedette all'italiana dei defluiti secoli.
Rappresentare il «Singspiel» beethoveniano è di per sé un merito che un teatro d'opera acquisisce di diritto: non solo per l'eticità severa e nobile che la scelta denunzia, ma anche, e sovrattutto, perché l'opera in questione non è fra le popolari: non soddisfa ai palati piú rozzi che si beano di cabalette e romanzette (d'altronde, l'arte alta non è mai stata né mai sarà popolare), ed il botteghino se ne lagna: assai. Non solo in Italia «Fidelio» non è diffuso, ma neanche in Germania, essendo tutto il mondo globalizzato, ahinoi! sulla china del peggio. Tanto piú allora loderemo la rappresentazione che del cimento beethoveniano è stata data al «Carlo Felice» di Genova, e senza soverchî clamori: piuttosto previlegiandosi dalla Fondazione genovese la delicatezza, l'impegno artistico e la profondità rituale dell'evento (per cui Fidelio è una sorta di padre al Parsifal, considerato che se Parsifal è «rito» radicalmente teutonico, «Fidelio» lo è largamente europeo).
Lorin Maazel, si sa, non è punto direttore estuoso: lo guida un senso della misura impeccabile, un controllo calvinistico del pathos applicato vuoi a «Carmen» vuoi a «Pelléas», dunque anche a «Fidelio». Una lezione rigorosa e calibrata, la sua, paradigmaticamente fusa alla regía sobria e incisiva di Georges Lavaudant, sostenuto dalla grigia scena carceraria di Gianni Quaranta e dai costumi quasi atemporali di Vergier. Per loro non è stato arduo guidare un irreprensibile cast vocale alla conquista della meta poetica: si citino almeno Anat Efraty, Stuart Skelton e Maria Ronge (nella foto) e Matthias Hölle. Eccellente l'Orchestra genovese ed affascinante la prova del Coro istruito da Norbert Balatsch.
Consensi plebiscitarî, com'era giusto ed ovvio che avvenisse.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Degrado capitale, la stazione Termini è un gabinetto a cielo aperto VIDEO

La cassanata definitiva: "Ci ho ripensato, continuo a giocare"
Dopo le liti in tv relax al mare: Adriana Volpe in versione sirenetta
Roma, in viaggio seduti sul paraurti Così strappano un passaggio al tram

Opinioni