cerca

Pro e contro la legge

La disputa verte sul Codice dei Beni culturali, approvato venerdì scorso dal Consiglio dei ministri. Il ministro Urbani spiega che era ora di fare piazza pulita dell'intrico normativo che gravava sul settore. Ora, afferma, non ci sarà più bisogno di ricorrere a un professore di diritto amministrativo per capire a chi appartiene un bene e che cosa è lecito fare. Il punto incandescente riguarda l'alienabilità dei beni culturali, introdotta - sottolinea Urbani - dalla finanziaria del 1999. Il Codice chiarisce che non possono essere venduti beni archeologici, monumenti, musei, pinacoteche, biblioteche, archivi. «In via provvisoria e cautelare» si possono considerare inalienabili tutti i beni mobili e immobili che hanno più di 50 anni. Il viceministro Bono aggiunge che ci sono 120 giorni di tempo per stabilire se un immobile può essere alienato. E, se sì, le Soprintendenze fissano limiti precisi sulla destinazione e sull'uso del bene.
Il fronte opposto («Italia nostra», Legambiente e il Wwf), obietta che le Sopritendenze non hanno gli organici necessari per un esame così approfondito e che perciò quasi tutti i casi si concluderanno con il silenzio-assenso dell'amministrazione e con la vendita del bene. Le organizzazioni ambientaliste premono perché il Codice venga riformato. Marco Magnifico chiede che il Senato blocchi la legge che depenalizza gli abusi anche in assenza di concessione edilizia. (L. D. A.)

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Degrado capitale, la stazione Termini è un gabinetto a cielo aperto VIDEO

La cassanata definitiva: "Ci ho ripensato, continuo a giocare"
Dopo le liti in tv relax al mare: Adriana Volpe in versione sirenetta
Roma, in viaggio seduti sul paraurti Così strappano un passaggio al tram

Opinioni