cerca

The Deal, la resistibile ascesa di Tony Blair

Il grande cineasta inglese ha inaugurato a Biarritz, il Festival internazionale dei programmi tv di qualità (Fipa) mettendo a nudo le «relazioni pericolose» dell'attuale premier britannico con la sua fiction «The Deal» (L'Affare). Ciò che il regista ha sottolineato con questo film-tv audace è la mancanza di etica all'interno dei giochi di potere e la corsa a ostacoli che alcuni candidati sono pronti ad affrontare se fra le asticelle da saltare c'è il tradimento o l'inganno.
«Penserete che ciò che ho raccontato in questa fiction non sia mai avvenuto - ha avvertito Stephen Frears - e nessuno potrebbe nemmeno immaginare che dei grandi politici possano ricorrere a qualunque mezzo pur di centrare conquistare il governo di un grande Paese come la Gran Bretagna. Eppure, tutto in "The Deal" è reale».
«The Deal» parte con la disastrosa sconfitta subita dai Laburisti nel 1983 ad opera di Margaret Thatcher. Da lì la corsa testa a testa di due giovani deputati progressisti Tony Blair e Gordon Brown, sostenuti dal decano John Smith che li considera il futuro del partito. Tra i due il leader per eccellenza è l'idealista Gordon Brown che alleva Blair insegnandogli praticamente tutto. Nel '92, appena John Major è eletto, Tony Bair invita Gordon Brown a presentarsi candidato alla testa dei laburisti e si offre di sostenerlo, ma questi rifiuta l'allettante proposta e giura fedeltà a Smith. Più avanti, però, Blair diviene ministro degli Interni del Governo-ombra, mentre Brown ne è ministro delle Finanze. La popolarità dei due «puledri di razza» sale enormemente.
Nel Frattempo, 1994, muore John Smith, e il partito Laburista ha bisogna di un nuovo leader. I due contendenti si fronteggiano, consapevoli che il vincitore prenderà tutto e l'altro resterà escluso. Blair chiede a Brown di sostenerlo e gli promette l'alternanza nella legislatura successiva, se come prevede giustamente big Gordon, i Laburisti, continueranno a vincere per un'intera generazione.
Blair va al governo, come è noto, ma i patti restano disattesi: Brown sta ancora aspettando che Tony gli lasci la poltrona di premier.
È duro e puro il film-tv che Stephen Frears ha girato per Granada Media e certamente non farà piacere a Tony Blair, che all'indomani della guerra in Iraq sta affrontando uno dei momenti più difficili della sua carriera, specie per il braccio di ferro che ha ingaggiato con la Bbc.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Il tavolo per rilanciare Roma inizia tra le proteste

La straordinaria danza dei delfini al largo di Capri
Incendi, morte e paura: la California devastata dai roghi
Playboy, ecco la villa delle feste di Hefner con le conigliette

Opinioni