cerca

«PROPOSTE come queste arrivano una sola volta nella vita, ne sono lusingata ma spesso non è tutto oro quello che luccica».

Talmente incredula, spiega, che preferisce prima verificare se magari non sia uno scherzo di pessimo gusto e, di conseguenza, restarne delusa.
«Sono stata contattata - racconta - subito dopo l'esclusione dall'Isola dei famosi. Volevano che fossi subito operativa ma, essendo impegnata con la Rai, ho chiesto loro di posticipare la partenza». Rapito dalla bellezza mediterranea, il governo del Congo ha visto nella Chiappini la donna giusta per lanciare l'immagine del Paese. «Il progetto è di facile realizzazione - ammette l'attrice - io, invece, sono sempre stata abituata a guadagnarmi i soldi con molta fatica, mettendo in gioco me stessa».
Sex symbol di calendari senza veli e sogno erotico di molti italiani, la Chiappini, sempre più presente in questi ultimi mesi sul piccolo schermo, dovrebbe rinunciare per sei mesi all'Italia. «Dovrò viaggiare molto - spiega - per questo vorrei portare con me mia cugina che vive a New York. Potrebbe aiutarmi con l'inglese. Comunque, parte del lavoro si svolgerebbe anche a Roma».
Un bel trampolino di lancio per Barbara, che ricorda vagamente la bellezza di Sophia Loren. «Sarebbe un bel traguardo - conferma - anche se mi interessa di più affermarmi in Italia. Le mie origini sono qui».
Intanto, fino a giugno la showgirl sarà legata alla Rai da un contratto di esclusiva e per quest'estate potrebbe arrivare la proposta della sua partecipazione a un programma sportivo, legato ai campionati europei di calcio. «È un'idea fantastica - conferma - e sarei felice se a condurlo ci fosse Marco Mazzocchi, che ho avuto il piacere di conoscere sull'Isola».

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Il camion dell'Atac blocca il tram. I passeggeri lo spostano a spinta

Victoria's Secret 2017: gli angeli conquistano la Cina
Roma, un Suv impazzito sfonda il muretto e finisce in giardino
A Rio de Janeiro va in scena Miss Bum Bum Premio al sedere più bello