cerca

PARIGI — La moda francese teme di essere rimasta un po' indietro nella conquista del mercato cinese, ...

Per stringere i rapporti con quell'immenso paese, i francesi hanno quindi deciso, nell'ambito dell'Anno della Cina (da ottobre 2003 a luglio 2004, seguito poi dall'Anno della Francia in Cina) di ospitare anche una sfilata di stilisti cinesi, lunedì prossimo al Carrousel du Louvre, in occasione delle passerelle del pret-a-porter.
Secondo Didier Grumbach, presidente della Camera della moda francese, «è importante familiarizzare con le aziende cinesi, perchè quel paese sarà un partner importante delle nostre società». I marchi italiani sono riusciti finora a farsi conoscere meglio di quelli francesi perchè sono andati in Cina prima, spiega Christine Zhao, consulente per la Cina presso la Chambre. Le griffe francesi come Chanel, Dior, Hermes, sono note in Cina, ma hanno un'aurea di inarrivabilità che invece i marchi italiani non possiedono, a tutto vantaggio della loro penetrazione nel nuovo mercato: questo dicono i francesi che si preparano a dar battaglia. Attualmente - fanno notare dal Comitè Colbert, che riunisce 65 grandi maison - il mercato del lusso cinese riguarda l'1% della popolazione, circa 12 milioni di persone. Nei prossimi dieci anni, con i ritmi di crescita economica del 10% circa, l'espansione sarà incredibile. Già ora gli aderenti al Comitè Colbert realizzano in Cina dal 2% all'8% del proprio fatturato.
Quasi tutti i marchi francesi cercano partner in Cina, aprono negozi e predispongono piani di sviluppo. Louis Vuitton, per esempio, ha aperto il primo negozio a Pechino nel 1992 e ora si appresta a inaugurare il nono, e il secondo a Canton. Anche Jean Paul Gaultier aprirà una boutique a Taiwan e la griffe è convinta che sia il momento di investire molto in Cina. Kenzo (gruppo Lvmh) aprirà 4 nuovi punti vendita entro la primavera, ma anche i marchi meno conosciuti fuori dalla Francia) si danno molto da fare, non solo sul piano della distribuzione. Per esempio, Marcel Marongiu ha stretto un accordo con un'industria cinese, Stella Cadente è in trattative.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Degrado capitale, la stazione Termini è un gabinetto a cielo aperto VIDEO

La cassanata definitiva: "Ci ho ripensato, continuo a giocare"
Dopo le liti in tv relax al mare: Adriana Volpe in versione sirenetta
Roma, in viaggio seduti sul paraurti Così strappano un passaggio al tram

Opinioni