cerca

Comando strategico bombardieri della Difesa statunitense: un generale impazzito ordina a una squadriglia ...

Questa la trama del film «Dr. Strangelove Or: How I Learned to Stop Worrying and Love the Bomb» («Il dottor Stranamore, ovvero come imparai a non preoccuparmi e ad amare la bomba»), del 1964, arrivato in italia con il più maneggevole titolo «Il dottor Stranamore» e diretto da Stanley Kubrick.
«Ragazzi qui siamo impegnati in un corpo a corpo nucleare» esclama nel film un pilota americano con tuta di volo e cappello da cowboy che poi, a cavalcioni di un missile, diverrà l'icona del film e di un'epoca. In quegli anni la paura del conflitto nucleare era qualcosa di tangibile. Figura centrale della storia il dottor Stranamore: un fisico nucleare guerrafondaio e per niente preoccupato dall'olocausto nucleare, interpretato da un irresistibile Peter Sellers. Per creare quel personaggio Kubrick si ispirò a chi, allora, era l'immagine stessa dell'era nucleare. A colui che aveva contribuito teoria e pratica alla creazione della bomba atomica. E non ne era rimasto inorridito, anzi, volle fare di più e divenne il padre della bomba all'idrogeno, 2500 volte più potente delle atomiche di Hiroshima e Nagasaki. Così ce n'era uno solo: Edward Teller. Nulla in quell'epoca, gli anni della Guerra Fredda, faceva più paura dell'olocausto nucleare. E a questo sentimento diede corpo Kubrick con il suo film, un'opera interessantissima e purtroppo dimenticata. Uno dei dei grandi film in bianco e nero di Kubrick, che si avvale di una strepitosa fotografia di Gilbert Taylor, maestro delle immagini. Ma si sa, il bianco e nero oggi fa «vecchio» e quel film, che dipinge un'epoca, prende polvere sugli scaffali di qualche cinefilio agguerrito. E niente più.
A. A.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Incendi, morte e paura: la California devastata dai roghi

Playboy, ecco la villa delle feste di Hefner con le conigliette
Diletta Leotta come non l'avete mai vista
Tutti in delirio per l'arrivo di Silvio Berlusconi alla convention di Fiuggi

Opinioni