cerca

Dei 12.000 uomini se ne salvarono 37

LA MATTANZA IMPOSTA DA HITLER

Il 12 settembre il Comando germanico aveva scodellato agli italiani tre opzioni: schierarsi al suo fianco; consegnare le armi; combattere. Gandin scelse di provare a cercare l'improbabile soluzione della trattativa per il rimpatrio, fidando sui suoi rapporti con gli ex camerati e salvaguardare un senso dell'onore non più storicamente sostenibile. I tedeschi in realtà avevano deciso per lui e già il 13 il capitano di artiglieria Renzo Apollonio aveva preso a cannonate due motozattere con uomini e rifornimenti per l'attacco alla guarnigione italiana. Marina, artiglieria e carabinieri volevano combattere, la fanteria era in parte orientata al disarmo. Il secondo errore di Gandin, che abdicò al suo ruolo di comandante e di responsabile, fu mascherato con un preteso senso di democrazia, col ricorso a un inusitato plebiscito (peraltro parziale) tra la truppa. Il terzo errore, ancor più inescusabile, la lettera al tenente colonnello Barge in cui il filotedesco Gandin sostiene che la Acqui si è in pratica ammutinata. Gandin combatte quando i tedeschi lo attaccano, non quando avrebbe dovuto e potuto. Gli scontri iniziano alle 14 del 15 settembre e alle 11 del 22 è tutto finito. Termina la battaglia, comincia la mattanza di migliaia di prigionieri ordinata da Hitler in persona. Degli ufficiali se ne salveranno solo 37. Gandin sarà ucciso alle 7 del mattino del 24 settembre. Dal petto aveva già rimosso la croce tedesca in ferro di cui andava così fiero.
M. P.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Il tavolo per rilanciare Roma inizia tra le proteste

La straordinaria danza dei delfini al largo di Capri
Incendi, morte e paura: la California devastata dai roghi
Playboy, ecco la villa delle feste di Hefner con le conigliette

Opinioni