cerca

Hopkins: «In Usa il cinema è totem»

È difficile reinventarsi?
«È molto difficile, la nostra vita può essere trasformata da un incontro, da un amore e si può vivere in un'altra identità. È vero, mi è successo recentemente».
Aiuta di più un incontro con una donna o quello con un uomo?
«Con una donna sicuramente. Comunque non lo so. Non sono uno psicologo, sono soltanto un attore».
L'attore vive più vite?
«Può essere. La recitazione è lo zuccherino per la conoscenza. Ed il cinema soprattutto negli Stati Uniti è ormai diventato una sorta di totem, un oggetto da adorare».
Che ne pensa?
«Che tutto ciò comunque può fare anche tanta paura».

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Il tavolo per rilanciare Roma inizia tra le proteste

La straordinaria danza dei delfini al largo di Capri
Incendi, morte e paura: la California devastata dai roghi
Playboy, ecco la villa delle feste di Hefner con le conigliette

Opinioni