cerca

Senza la stampa l'evento non c'è

I «NO» DELLA MOSTRA

Con orari, oltre a tutto, che, specie quelli anticipati per i critici, non tengono conto né delle ore di sonno (8,30, 24) né di quelle dei pasti (13, 20). Con il risultato che non si può dar conto di tutto e che se qualche stakanovista lo facesse non troverebbe poi gli spazi necessari sui suoi giornali, giustamente intenti a riservarne altri alla cornice della Mostra, interviste e colore. Qualche critico così è andato a lamentarsi con de Hadeln che però ha risposto: la Mostra la faccio per il pubblico, non per i critici. Giustissimo. Ma i critici vengono alla Mostra per illustrarla al pubblico. Se, per ipotesi, a causa di uno sciopero dei mezzi di comunicazione, durante tutti i dieci giorni della Mostra si verificasse un silenzio stampa, cosa accadrebbe? Lo si diceva una volta per i giornali, oggi lo si dice anche per la televisione: se di un evento non si è scritto o parlato è come se non avesse mai avuto luogo. Un rischio che la Mostra non corre, ma perché, da quando esiste, c'è chi la racconta.
G. L. R.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Degrado capitale, la stazione Termini è un gabinetto a cielo aperto VIDEO

La cassanata definitiva: "Ci ho ripensato, continuo a giocare"
Dopo le liti in tv relax al mare: Adriana Volpe in versione sirenetta
Roma, in viaggio seduti sul paraurti Così strappano un passaggio al tram

Opinioni