cerca

«ADDIO MIA REGINA»

Trionfo e caduta di Versailles con gli occhi dei monarchici


Dal suo esilio viennese Agathe, fedele lettrice di Maria Antonietta, dopo venti anni, rievoca con nostalgia il suo soggiorno a Versailles, dove fu testimone privilegiata ma impotente della grandezza e del declino della più splendida monarchia europea.
La sua lunga permanenza in quella corte, a contatto diretto con la regina, per la quale nutre un profondo affetto e una devozione totale, le permette di assistere alla carica divoratrice e ai suoi occhi inspiegabile della rivoluzione francese.
Con questo appassionante romanzo, prix Fémina 2002, la nota studiosa Chantal Thomas si rivela una insospettata valente scrittrice.
Con uno stile raffinato e tonalità lievi ed armoniose, con una straordinaria precisione storica fino alla minuziosa descrizione cronologica degli avvenimenti che vedevano Agathe spettatrice, l'autrice ci conduce nella vita quotidiana di Versailles, sfavillante e incantata, dove ogni personaggio, edificio, oggetto partecipa al benessere e alla felicità dei sovrani. In quell'universo dove le sole regole sono il cerimoniale, le tradizioni, le abitudini, i privilegi ritenuti indiscutibili, quasi sacri, non c'è consapevolezza dei disordini che scuotono la Francia.
«Tutto si decise fra sabato 11 luglio, data della destituzione di Necker, e venerdì 17, giorno dell'umiliazione del Re a Parigi e del rinnegamento della monarchia. (…) Vorrei narrare questa disfatta, così rapida, totale, ma rimasta come segreta»: ecco il resoconto dettagliato e amareggiato, dei giorni che vedono la sconfitta del re, il trionfo della rivoluzione e la fine di Versailles.
Con lei viviamo il suo smarrimento, la sua incredulità e il suo sgomento nel constatare l'infrangersi di un sogno ritenuto eterno, l'apparire di una massa indefinita e incomprensibile che tutto stravolge, portando alla dissoluzione un mondo considerato inviolabile. Ma su tutto si staglia il delicato e intimo ritratto della regina, così poco amata dai suoi sudditi e invece ostinatamente servita con abnegazione dalla sua lettrice di corte, che ne restituisce l'immagine di una sovrana forte e tenera insieme, capace in privato di momenti di malinconia e commozione ma altera e scostante in pubblico. La sua incapacità di integrarsi in quella terra, financo nella corte, ne decreteranno la fine.
Chantal Thomas, «Addio mia Regina»

Rizzoli, 345 pagine, 15 euro

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Il tavolo per rilanciare Roma inizia tra le proteste

La straordinaria danza dei delfini al largo di Capri
Incendi, morte e paura: la California devastata dai roghi
Playboy, ecco la villa delle feste di Hefner con le conigliette

Opinioni