cerca

Comincia l'era dei divi tv acqua e sapone

Facce rassicuranti e «innocue» come quella di Frizzi, donne della «porta accanto» come Azzariti e Clerici

Si chiama «normalità». Ovvero, conduttori e conduttrici dovranno assumere atteggiamenti tali da consentire al pubblico di potersi identificare nei modelli che proporranno. Soprattutto, si cercherà di eliminare il discutibile vezzo dei comportamenti «snob» e dei vestiti scollacciati per il gentil sesso in Tv. Insomma, il modello «Velina», «Letterina» o «Schedina» sarà accantonato per lasciare spazio ad una nuova immagine della donna che sappia coniugare la bellezza all'intelligenza, la capacità di intrattenere alla sobrietà dell'abbigliamento.
Eccolo, il nuovo imperativo categorico sul quale si stanno mettendo a punto i programmi dell'autunno. In linea con l'invito del Presidente della Rai, Lucia Annunziata, che aveva chiesto atteggiamenti più rispettosi dell'identità femminile in video, le nuove padrone di casa, le vallette, le accompagnatrici dei conduttori si preparano all'esordio autunnale tentando di essere identificate come le conduttrici o le vallette della porta accanto. «Il primo segnale dell'auspicato ritorno alla normalità lo ha fornito Michele Guardì, richiamando Fabrizio Frizzi alla conduzione della nuova formula de "I fatti vostri" che, si chiamerà "Piazza Grande"», dicono in Rai. Frizzi è considerato un padrone di casa mai sopra le righe, in grado di garantire rispetto per le presenze femminili al suo fianco. E Stefania Orlando che lo affiancherà, si inserirà in questa nuova ottica.
Ma anche il varietà del sabato sera abbinato alla Lotteria Italia e gestito da Giorgio Panariello farà a meno di scollacciate protagoniste femminili. Niente più centimetri di stoffa come quelli che ricoprivano il corpo di Alena Seredova nell'edizione di due anni fa di «Torno sabato, la Lotteria». Bando al linguaggio grossolano, alle battute a doppi sensi dei personaggi impersonati dal comico fiorentino, sulla cui scia è stato coniato il termine «Tv deficiente». La Rai si affida alla familiarità rassicurante di volti come quelli di Antonella Clerici che riprende il suo posto a «La prova del cuoco» nella programmazione del mezzogiorno e sarà ancora protagonista della prima serata di Raiuno con speciali del programma culinario mattutino e con una nuova proposta di intrattenimento ancora in via di definizione.
Alda D'Eusanio ha addirittura lasciato il contestato programma pomeridiano di Raidue «Al posto mio», e tenterà di riciclare la propria immagine sulla prima rete, in un reality show che promette commozione ed attualità all'insegna di un sentimentalismo finalizzato, nelle intenzioni, a riscattare la grossolanità della sua Tv del passato. All'insegna di una nuova normalità dei modelli tv si darà meno spazio alle solite fanciulline sgambettanti in nome di una figura femminile più rassicurante. Così, viale Mazzini pensa anche di aumentare lo spazio a disposizione di conduttrici come Roberta Capua che torna alla guida di «Unomattina» dal prossimo settembre, e di Livia Azzariti che curerà l'edizione del contenitore mattutino del fine settimana, affiancata da tre giornalisti del Tg1. Sarà gratificata anche Sonia Grey, attualmente al timone di «Unomattina estate» che affiancherà Livia Azzariti nella versione di «Unomattina week end». E tra i volti rassicuranti è tornata ad inserirsi anche Rosanna Lambertucci che, secondo i responsabili di Raiuno, ha superato l'esame estivo del ritorno in video. Anche lei resterà ad «Unomattina week end» accanto alla Azzariti. Ed infine, saranno «normalizzate» persino le "Ereditiere" di Amadeus, ovvero le ragazze che affiancano il conduttore nel preserale "L'Eredità", di ritorno su Raiuno a settembre: indosseranno un abbigliamento più sobrio.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Il camion dell'Atac blocca il tram. I passeggeri lo spostano a spinta

Victoria's Secret 2017: gli angeli conquistano la Cina
Roma, un Suv impazzito sfonda il muretto e finisce in giardino
A Rio de Janeiro va in scena Miss Bum Bum Premio al sedere più bello