cerca

Annunciatrici con piercing

Ma la Orsomando: «Sono necessarie cultura e misura»

L'annuncio apparso a metà luglio sui principali quotidiani per selezionare le nuove annunciatrici della Rai, è stato accolto con entusiasmo da centinaia di ragazze - 60 selezioni al giorno - che si sono precipitate all'appuntamento, con il sorriso della speranza e le emozioni degli esami, nelle varie città italiane - da Bari a Firenze, da Genova a Cosenza, da Riccione a Palermo e poi,ancora, Cagliari, Napoli, Milano, Verona e Torino, sedi dei provini. Ombelico al vento, abbigliamento più da spiaggia che adatto ad una annunciatrice, trucco da discoteca, piercing, tatuaggi e tacchi vertiginosi hanno prevalso sull'eleganza, la sobrietà e una buona base di cultura generale, indispensabili per superare la prova e diventare la Nicoletta Orsomando o la Gabriella Farinon del Terzo Millennio.
«I provini - afferma Antonio Ciccarelli, titolare della Sold Out, la società incaricata dalla Rai per trovare i nuovi volti - appena conclusi, sono andati benissimo. Adesso, tra il ristretto numero di prescelte, sceglieremo i sei volti più adatti, due per ogni rete. Per RaiUno cercavamo un volto rassicurante, sullo stile di Gabriella Farinon o Valeria Mazza; per RaiDue, invece, abbiamo puntato più sull'intrigante e il moderno alla Alba Parietti; per RaiTre, infine, un viso giovane e pulito come Giovanna Mezzogiorno. Tra le tante ragazze, sicuramente, emergeranno le migliori, quelle, cioè, a cui il pubblico si affezionerà presto».
Quale strada devono seguire le neo-annunciatrici? Abbiamo sentito il parere di Nicoletta Orsomando, l'annunciatrice per antonomasia, quella che le giovani aspiranti, pur non avendola mai vista in diretta, prendono come punto di riferimento, e di Ilaria Moscato, che dopo sedici anni di annunci, si è trasformata in conduttrice. «Il mio esordio in video risale al 1953 - afferma la Orsomando - e sono rimasta in Rai oltre quaranta anni. Sono stata la prima donna ad apparire nel 1980 al Tg1 per leggere le notizie di costume e moda e la prima - poi mi ha sostituito Bernacca - a leggere le previsioni del tempo. Oggi è tutto cambiato, così come le annunciatrici ma, a questo proposito preferisco non pronunciarmi. I tempi si evolvono ma in peggio...».
«Anche io - dice a sua volta la Moscato - conservo ricordi bellissimi di quegli anni. Noi, però, mi piace sottolinearlo, non avevamo atteggiamenti divistici o smorfiosi. Forse per questo siamo rimaste nel cuore degli italiani. Mi hanno incuriosito le selezioni in Rai perchè proprio questa «zienda non ha valorizzato le annunciatrici e non le ha integrate nel nuovo modo di fare televisione».
Quali devono essere le qualità dell'annunciatrice del Terzo Millennio? Orsomando: «Eleganza, compostezza e, soprattutto, intelligenza. Qualità che non hanno età e che non dovrebbero evolversi con i tempi». Moscato: «Sono d'accordo con Nicoletta. L'aspetto fisico conta fino ad un certo punto. È importante lo sguardo, il tono, l'armonia della voce. Per questo è molto diversa dalla letterina o dalla velina».

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Trump "passa" il check up: qualche chilo di troppo ma salute eccellente

Tartaruga imprigionata nella plastica nel mare delle Eolie
Sos coccodrillo, da un anno gira con uno pneumatico al collo
Sony lancia il cane robot intelligente: si chiama Aibo