cerca

LA battaglia del fumo non è ancora vinta, ma la guerra, con provvedimenti legislativi efficaci, sta dando risultati positivi.

E il nostro Paese si sta adeguando, le scritte saranno più evidenti. Ma c'è dell'altro. La Ferrari, ad esempio, per le cui sorti, ad ogni gara di Formula Uno tutti noi facciamo il tifo, non solo ostenta su ogni spazio libero delle sue auto una celebre marca americana di sigarette, ma la ripete nel petto e nel dorso, persino sulle rosse uniformi dei suoi piloti e dei tanti tecnici che li assistono. «Pecunia non olent», rispondeva Vespasiano a quanti gli rimproveravano di farsi pagare quei servizi igienici che avrebbero poi preso il nome da lui. Debbono essersi detto lo stesso i pur milionari (in euro) titolari delle «rosse». I soldi non puzzano. Neanche quando si fa propaganda scoperta a dei prodotti cancerogeni. Cosa ne pensa, però, il ministro Sirchia? (G. L. R.)

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Il camion dell'Atac blocca il tram. I passeggeri lo spostano a spinta

Victoria's Secret 2017: gli angeli conquistano la Cina
Roma, un Suv impazzito sfonda il muretto e finisce in giardino
A Rio de Janeiro va in scena Miss Bum Bum Premio al sedere più bello