cerca

di ANTONIO SPINOSA VENTISEI visioni di Sabaudia.

Il lago, il mare accogliente, la florida vegetazione. Ecco una cittadina architettonicamente scenografica, una perla dell'Agro Pontino. Il tutto in un libro originale scritto a ventisei mani da autori celebri e da esordienti, con un titolo immediato: «I racconti di Sabaudia» (Baldini Castoldi Dalai editore, pagine 158). Non è indicato il prezzo in quanto il libro è distribuito gratuitamente per la maggior gloria del luogo, come ha voluto il sindaco della città Salvatore Schintu nel celebrare il settantesimo compleanno della città in piena estate.
Sfogli e trovi firme famose, e naturalmente l'occhio cade subito su un nome: quello di Carmen Llera Moravia. Il compagno di Llera, Alberto, chi può dimenticarlo per la sua passione per le estati sabaudiane? E Llera ha scritto in versi liberi il suo amore per questo angolo fatato: «Siamo in un luogo bellissimo, qui è più facile amare».
Enzo Bettiza prima si rivolge una piccola domanda, e si chiede chissà perché la specie vagabonda e imprevedibile dei gatti abbia sempre avuto un'attrazione singolare per le campagne che costeggiano questo mare. La risposta è lì pronta: il promontorio dei Circeo, con la sua aura mitologica e addirittura preistorica, deve aver influito sulla strana riproduzione e diffusione dei gatti nella zona. Non solo gatti, comunque! E con una nuova virata d'ala ecco il ricordo delle paludi, delle sabbie omeriche, della testuggine greca, dell'aquila: un paesaggio intatto e magico come avrebbe potuto scorgerlo dalla sua nave Ulisse. Pietro Calabrese racconta la storia di tre sorelle. Ci sono amori e morte, c'è un mondo che scompare in contrasto con apparizioni sfolgoranti. La spiaggia di Sabaudia, tra dune e vento, è a sua volta protagonista nella vicenda un po' misteriosa ma attraente. Come raccontare queste pagine: bisogna leggerle. Dalla concretezza dello sport Pietro Calabrese sa immergersi in qualcosa simile a un sogno. Non si può non dirgli bravo. Non soltanto giornalista, ma anche narratore.
La prosa di Clemente Mimun è tutta un intreccio di ricordi — soprattutto quelli dell'adolescenza, momenti felici — che Sabaudia ha la facoltà di aprire nella sua mente e nel suo cuore. Ed ecco il racconto di un viaggio lungo ed estenuante da Roma al mare di Sabaudia a bordo di una stremata bianchina familiare, «quando si festeggiava l'approdo con la stessa gioia — racconta Mimun — di un navigatore solitario al termine della traversata di un oceano». Ed eccoci a Barbara Palombelli che ricorda il brivido di un bagno all'alba, quando la gente nelle case ancora dorme, e la dolcezza delle passeggiate al tramonto. Sabaudia è tale da scatenarla, e lei scrive apertamente di un amplesso che, tra l'altro, va letto direttamente nelle pagine del libro: «Il rumore delle foglie copriva il mio ansimare, il tuo corpo si bloccava per lasciarmi fare, sai che sono prepotente e che, dopo tanti anni, ho ancora molta voglia di te. Eppoi, sulle dune non è come a Villa Borghese, dove dobbiamo aspettare la notte per nasconderci e filtrare, proprio come quando eravamo una coppia di giovani amanti».
Non posso a questo punto essere ingiusto con i dodici autori emergenti. Certo, hanno ancora un po' di strada da fare perché si parli di loro e se ne riportino gli scritti. Qui non ne citerò nessuno per non fare torto ad alcuno. E questa è comunque una ragione ulteriore per prendere nelle mani questo libro e magari scoprire chi sarà il nome di maggior fortuna, un giorno non lontano.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Il camion dell'Atac blocca il tram. I passeggeri lo spostano a spinta

Victoria's Secret 2017: gli angeli conquistano la Cina
Roma, un Suv impazzito sfonda il muretto e finisce in giardino
A Rio de Janeiro va in scena Miss Bum Bum Premio al sedere più bello

Opinioni