cerca

De Laurentiis, Leone d'oro alla carriera Il regista polacco Zanussi riceverà invece dal Vaticano il «Bresson»

«È un giovanotto ancora molto attivo - ha commentato scherzosamente il direttore della Mostra, Moritz de Hadeln - che al momento sta lavorando a quattro grandi produzioni tra cui "Alessandro Magno" e "L'infanzia di Hannibal". Con lui intendiamo omaggiare una categoria che ha fatto grande il cinema italiano e che per fortuna sta trovando giovani e dinamici eredi». Nel corso della conferenza stampa di ieri, il direttore della Mostra ha anche ipotizzato la decisione di qualche altro Leone d'oro alla carriera che spetterà al Consiglio di amministrazione della Biennale deliberare nelle prossime settimane. Top secret sui nomi possibili, italiani o stranieri. E sempre intema di riconoscimenti è stato annunciato che il regista polacco Krzysztof Zanussi sarà premiato a Venezia con il «Robert Bresson 2003». Il regista polacco riceverà il riconoscimento il 4 settembre, dalle mani del Ministro della Cultura Vaticano, cardinale Paul Poupard. Giunto alla quarta edizione e organizzato in collaborazione con la Biennale di Venezia, il premio viene assegnato ogni anno dalla direzione del Festival «Tertio Millennio» dell'Ente dello Spettacolo e dalla «Rivista del Cinematografo», dopo aver sentito il parere del Pontificio Consiglio delle Comunicazioni Sociali e del Pontificio Consiglio della Cultura. Nelle passate edizioni, hanno ricevuto il «Robert Bresson» Manoel de Oliveira, Giuseppe Tornatore e Theo Angelopoulos.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Il camion dell'Atac blocca il tram. I passeggeri lo spostano a spinta

Victoria's Secret 2017: gli angeli conquistano la Cina
Roma, un Suv impazzito sfonda il muretto e finisce in giardino
A Rio de Janeiro va in scena Miss Bum Bum Premio al sedere più bello