cerca

«LA REPUBBLICA DELLE VELINE»

Quelli aggrediti da orticaria fulminante ogniqualvolta incappano in quiz-show, variety-show, talk-show e ogni sorta di «the show must go on». Per i quali l'esercito di letterine, veline, prezzemoline, topoline e paperine è emanazionie di un'unica verità: la supergnocca imperante nel piccolo schermo. Belle manze in esposizione come sul bancone del macellaio, quarti di cosce, filetto e controfiletto, zampe di galline e pure frattaglie, perchè non si butta niente. «La Repubblica delle Veline» ameno libello di Candida Morvillo con onestà professionale (l'autrice è giornalista) e senza moralismi affronta il mondo fatuo, improbabile e per certi versi crudele della tv, regno del non-essere. L'analisi ripercorre, sia pur sommariamente, la storia del piccolo schermo fino ad approdare agli ultimi anni caratterizzati proprio da un'invasione di bellezze muliebri, la cui unica peculiarità è il non saper fare nulla. Non serve il talento artistico, perizia tersicorea o bella voce sono optional: la grande rivoluzione velinica, partorita dal mefistofelico Ricci, è l'idea falsamente democratica che chiunque, soprattutto la ragazza della porta accanto, può accedere all'empireo catodico. Morvillo non può tralasciare quello di cui già sappiamo: le orde di ragazze che affollano le selezioni per i programmi tv, per gare e sagre di bellezza, qua e là nello Stivale accompagnate da mamme terribili. E leggiadramente indugia poi sul binomio Velina-calciatore. Fin qui, quasi un deja-vu, un riepilogo delle puntate precedenti. Ma basta grattare un pò sotto la doratura e si scopre così che quasi tutte le Divine catodiche sono passate sotto le grinfie del chirurgo plastico, che dipendono totalmente da agenti padri-padroni, che durante le interviste dicono un sacco di bugie. Altro che ragazze «acqua e sapone» baciate dalla Fortuna: le loro carriere, basate sul nulla, sono studiate a tavolino, dai guru del circo mediatico che senza scrupoli le piazzano, come al mercato, alle feste che contano, magari tra le braccia di qualcuno, e poi via col giro delle ospitate tv. Dove le belle statuine, appunto, sciorinano frescacce. Una per tutte: «Mangio quello che voglio.....». Gioite donne in lotta perenne con la cellulite: le Veline stanno sempre a dieta. E se ingrassano un etto cadono in depressione. Proprio come le ragazze della porta accanto.

Candida Morvillo

«La Repubblica delle Veline»

Rizzoli, 250 pagine, 12 euro

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Degrado capitale, la stazione Termini è un gabinetto a cielo aperto VIDEO

La cassanata definitiva: "Ci ho ripensato, continuo a giocare"
Dopo le liti in tv relax al mare: Adriana Volpe in versione sirenetta
Roma, in viaggio seduti sul paraurti Così strappano un passaggio al tram

Opinioni