cerca

di EMMA SANCIS PERCHÉ chi possiede una Harley-Davidson le è così maniacalmente affezionato? ...

Di questo parliamo con Willie G. Davidson, mitico discendente di uno dei due cofondatori della casa produttrice della mitica H-D, di cui è vice-presidente, oltre ad essere il progettista dei modelli sfornati negli ultimi tre decenni. Davidson, uno di quegli uomini che si identificano totalmente con l'articolo che vendono, ha 70 anni, è nato e vive a Milwaukee (Wisconsin) e ha tre figli.
Perché, secondo lei, le Harley-Davidson hanno avuto tanta fortuna?
«Perché interpretano un certo stile ribelle, da cow-boy o da fuggitivo. In America queste sono tendenze molto diffuse, e pertanto noi facciamo di tutto per adeguarci ad esse. Io stesso mi sono sempre sentito in sintonia con questo spirito, e in passato portavo i capelli lunghi e una grande barba».
Lei personalmente cosa ci trova di tanto speciale in questa motocicletta?
«Io ne sono innamorato, e per spiegarle perché, ci vorrebbe almeno un'ora. Ma sintetizzando, le dico solo che ciò che m'incanta di essa è il suo aspetto, il suo rumore e come ci si sente quando se ne guida una».
Che cosa ricorda di suo nonno?
«Il nonno morì quando io avevo cinque o sei anni, ma mi ricordo due cose: aveva una casa molto grande e una splendida villa di vacanza fuori Milwaukee. Eppure era partito, insieme a due fratelli e all'amico Harley, da un capannone nel giardino di casa sua: fu lì che misero a punto il primo motore Harley e lo applicarono a un telaio di bicicletta, creando una motocicletta a un cilindro. Poi, nel 1908, vi aggiunsero un secondo cilindro, e così nacque lo stile Harley, il motore V-Twin che emette un rumore particolare, molto simile al battito del cuore».
I centauri fedeli alla H-D mettono un po' di paura, con le loro tute di pelle nera e i caschi tedeschi...
«Tutto ciò che esce dalla nostra fabbrica esprime un certo spirito ribelle. È un tratto che ci ha sempre contraddistinti. Dopo la seconda guerra mondiale i soldati tornati dal fronte continuavano a indossare la giacca dell'uniforme militare, ed essa ci ispirammo per disegnare la nostra giacca di pelle nera, che divenne rapidamente la "divisa" dei motociclisti e da allora è rimasta quasi identica. Lo so, a volte i nostri chapters possono fare un po' paura, ma le assicuro che nei grandi raduni come quello che si terrà a Milwaukee alla fine di agosto essi sono molto tranquilli. L'abito e l'immagine che vogliono dare di sé sono solo segni di appartenenza. Una Harley è tutto fuorché discreta, e penso che i nostri clienti siano persone a cui piace appunto questa appariscenza».
È un mondo essenzialmente maschile?
«Sì, negli Stati Uniti le donne sono solo il 9 per cento dei nostri clienti».
Nei film capita spesso che il "cattivo" cavalchi una Harley-Davidson. Ha mai fatto causa a uno studio cinematografico?
«No. Tutto cominciò a Hollister, una cittadina della California, dove nel 1948 si riunirono diverse centinaia di "harleysti", che alzarono troppo il gomito e si abbandonarono ad alcuni eccessi. La stampa diede grande risalto a quei fatti e da allora gli assembramenti di centauri a cavallo di Harley-Davidson sono immediatamente associati a intemperanze e disordini. E poi, per rincarare la dose, nel '54, uscì il film con Marlon Brando, "Il selvaggio". Anche se non era una Harley-Davidson, era comunque una motocicletta di grossa cilindrata, e non tutti sanno distinguere una marca dall'altra. "Il selvaggio" si ispirò proprio ai fatti di Hollister. Poi Dennis Hopper girò "Easy rider", dove lui e Peter Fonda cavalcavano due rombanti H-D. Tutto questo contribuì a diffondere l'idea romantica dei motociclisti come di persone che si pongono fuori della legge. Ma tutto sommato non penso che questo ci abbia fatto cattiva pubblicità».

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Il tavolo per rilanciare Roma inizia tra le proteste

La straordinaria danza dei delfini al largo di Capri
Incendi, morte e paura: la California devastata dai roghi
Playboy, ecco la villa delle feste di Hefner con le conigliette

Opinioni