cerca

Gli animali che si orientano col cielo stellato possono essere disturbati sia dalla sparizione delle ...

Esperimenti eseguiti all'interno di un planetario con alcuni silvidi in gabbia hanno dimostrato che questi uccelli hanno una conoscenza istintiva della disposizione delle stelle, anche se nati in cattività: all'interno della gabbia, infatti, saltellavano e si orientavano esattamente secondo la direzione delle stelle. Ma se la volta del planetario veniva illuminata da luce diffusa, puntavano alla cieca in diverse direzioni. Ora, sembra che gli uccelli siano in grado di riconoscere soltanto una piccola parte di cielo stellato, che nell'emisfero boreale è la regione intorno alla Stella Polare. Perciò, quando migrano, essi si dirigono in direzione opposta a questa stella, volando verso sud. In un altro esperimento alcuni giovani passeracei sono stati inseriti di notte all'interno di un planetario che è stato fatto ruotare intorno ad una delle stelle di Orione, una costellazione del sud. Ebbene, nell'autunno seguente, questi uccelli puntarono nella direzione opposta, ossia verso nord. Ma è bene ricordare che, durante la navigazione, i migratori notturni non si servono soltanto delle stelle, ma anche della luce polarizzata, del campo magnetico terrestre e di suoni a bassa frequenza emessi da catene montuose e coste. È verosimile che anche gli animali che basano sulla luce della luna alcune loro attività siano disturbati in prossimità degli impianti di illuminazione che disperdono notevoli quantità di luce nell'ambiente circostante. Questi animali generalmente si spostano in modo rettilineo per rintracciare più facilmente il percorso, mantenendo la luce sempre nella stessa zona del campo visivo. Perciò le falene urtano contro i lampioni e le finestre illuminate, dato che tendono ad orientarsi con qualsiasi sorgente di luce. Ancora non è chiaro se anche alcune specie di uccelli impieghino la luna come punto di riferimento per la rotte migratorie, ma nel Nord America stormi di luì verdi vengono disorientati quando transitano nei pressi delle luci aeroportuali. Non si capisce se questo avvenga solo quando gli uccelli volano bassi a causa del maltempo, oppure perché anch'essi navigano seguendo la luce della luna.

P. C.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Degrado capitale, la stazione Termini è un gabinetto a cielo aperto VIDEO

La cassanata definitiva: "Ci ho ripensato, continuo a giocare"
Dopo le liti in tv relax al mare: Adriana Volpe in versione sirenetta
Roma, in viaggio seduti sul paraurti Così strappano un passaggio al tram

Opinioni