cerca

Addio a Mann mago del flauto jazz

STATI UNITI

Mann era ammalato dal 1997 e viveva a Santa Fe, dove verrà seppellito, dal 1980, dopo avere lasciato la sua città natale, New York.
Mann era un flautista particolarmente versatile, avendo spaziato dal jazz classico a quello moderno. Viene considerato uno dei pionieri della «fusion» e della world music, avendo sfruttato le influenze sia del rock sia delle musiche etniche come quella brasiliana o più recentemente dell'est europeo, dove era andato a ripescare le sue radici ebraiche. Nato nel 1930 a Brooklyn Herbert Solomon - questo il suo vero nome- lavorò fino al 1979 per la Atlantic Record e poi creò la propria etichetta discografica, Kokopelli.
Tra i suoi dischi più famosi c'è «At the Village Gate» (1962), «Brasil, Bossa nova & Blues» (1962), «Memphis Two Step» (1971), «Eastern European Roots» (2000). All'inizio degli anni cinquanta, quando Mann lavorava per l'esercito Usa, visse anche per tre anni a Trieste, dove suonò nella banda militare.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Degrado capitale, la stazione Termini è un gabinetto a cielo aperto VIDEO

La cassanata definitiva: "Ci ho ripensato, continuo a giocare"
Dopo le liti in tv relax al mare: Adriana Volpe in versione sirenetta
Roma, in viaggio seduti sul paraurti Così strappano un passaggio al tram

Opinioni