cerca

Tutti mecenati, lo Stato no


Quest'ultimo ha sintetizzato alcune novità della ricerca, condotta su un campione di 1009 uomini e donne, sopra i 15 anni, rappresentativo degli italiani adulti. «Nei cittadini cresce - ha detto Salamon - la convinzione dell'importanza e dell'enorme numero dei monumenti. Inoltre si apprezza il buono stato di molti beni, riconoscendo che i poteri pubblici stanno facendo molto nel campo dei beni culturali. Si sta diffondendo la convinzione che i beni artistici siano anche un fattore di sviluppo economico. E molti più italiani che in passato sarebbero disposti a donare denaro per la salvaguardia dei nostri beni culturali purché esso sia gestito da una Fondazione costituita per questo scopo».
Giuseppe De Rita ha analizzato i dati da un punto di vista sociale portandoli su un panorama più vasto: «Questa indagine conferma - ha notato l'ex Presidente del Cnel - che il nostro paese sta cambiando molto velocemente e in meglio. Ne vengono fuori due elementi: un forte radicamento nel territorio e la propensione a donare denaro per la tutela dei nostri beni culturali. Ebbene, localismo e partecipazione sono due fattori nuovi in tutta la nostra società. Del resto oggi la coesione sociale, che un tempo era data dallo Stato, dalle grandi imprese e dai sindacati, nasce a contatto con il proprio territorio, con le piccole imprese e con la rete di protezione delle famiglie e del volontariato».
Ledo Prato ha poi detto che Mecenate 90 darà vita, il prossimo 30 giugno, ad una Fondazione per i beni culturali italiani che sarà formata con alcune città e Fondazioni bancarie.
Sarà la risposta immediata alle esigenze dichiarate nel sondaggio Doxa da molti italiani. E il Ministro Urbani ha sottolineato che un sondaggio come questo rafforza la possibilità di pretendere più soldi dal Governo per i beni culturali: «Il nostro paese spende per la tutela del nostro immenso patrimonio artistico e architettonico una cifra pericolosamente e ridicolmente bassa, cioè lo 0,17 per cento del Pil. Entro sette-otto anni dovremo arrivare almeno allo 0,50 per cento e, col decisivo contributo dei privati, avvicinarci poi all'1 per cento».
«Da questa indagine - ha detto ancora Urbani - emerge chiaramente una maggiore domanda di tutela e valorizzazione del nostro patrimonio culturale. A questo proposito venerdì, nel Consiglio dei Ministri, approveremo un disegno di legge che inasprirà le sanzioni contro coloro che minacciano e danneggiano i nostri beni. E finalmente abbiamo trovato la soluzione per stabilire un contatto strettissimo fra le Fondazioni che gestiranno i nostri beni culturali e le Soprintendenze: prima di tutto viene la tutela e quindi i Comitati scientifici che dovranno prendere le decisioni più importanti saranno presieduti proprio dai Soprintendenti».
In tal senso Urbani ha presicato che questo provvedimento metterà a tacere tutte le Cassandre che da molto tempo profetizzano la svendita del nostro patrimonio artistico ed architettonico.
«Nessuno può ormai mettere in dubbio - ha affermato ancora il Ministro - che sia necessaria una collaborazione con i privati per gestire il nostro patrimonio artistico ed architettonico, soprattutto quello disperso ed abbandonato in luoghi periferici».

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Incendi, morte e paura: la California devastata dai roghi

Playboy, ecco la villa delle feste di Hefner con le conigliette
Diletta Leotta come non l'avete mai vista
Tutti in delirio per l'arrivo di Silvio Berlusconi alla convention di Fiuggi

Opinioni