cerca

LE OPERE


Una menzione a parte merita la serie delle Sequenze per diversi strumenti solistici tra cui l'arpa, la voce femminile, il pianoforte e il trombone (famosa quella per flauto solo del 1958) in cui il compositore sperimentava le possibilità virtuosistiche dei diversi strumenti. Della sperimentazione elettronica, in gran parte legata allo studio di Fonologia della Rai di Milano, vanno ricordati l'«Omaggio a Joyce» (1959) e «Momenti» (1960). Nel teatro spiccano «Opera», ma anche «La vera storia», «Passaggio» su testo di Eduardo Sanguineti e per voce ed orchestra il ciclo «Epifanie» (1961). Apprezzati i Folksongs per mezzosoprano e orchestra, insieme alla Sinfonia una delle sue partiture più eseguite. Non rare anche le opere di riscrittura e riorchestrazione operate da Berio nei confronti di musicisti del passato, come Boccherini e Mahler. (Lor. Toz)

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Degrado capitale, la stazione Termini è un gabinetto a cielo aperto VIDEO

La cassanata definitiva: "Ci ho ripensato, continuo a giocare"
Dopo le liti in tv relax al mare: Adriana Volpe in versione sirenetta
Roma, in viaggio seduti sul paraurti Così strappano un passaggio al tram

Opinioni