cerca

Lenti, ambiziosi percorsi nei meandri della solitudine

Quel libro accese vivaci polemiche, ma c'è da dire che la Tamaro, forte dell'esperienza al Centro Sperimentale di Cinematografia e di qualche documentario scientifico alla Rai, già nel 1989 aveva pubblicato un primo romanzo, La testa fra le nuvole, storia un po' surreale sul tema della solitudine e dell'anelito alla felicità, sul quale tornerà più volte fino a quest'ultima prova narrativa. Seguì una silloge di racconti nel 1991, Per voce sola, tutt'altro che interlocutori nei confronti del romanzo, bensì indipendenti e a sé stanti, in virtù di una capacità di semplice sintesi dei materiali novellistici, di rilevante finezza espressiva: c'è insomma in queste pagine una forte tensione poetica nel rappresentare gli umili e i deboli della terra. Dopo il successo, la Tamaro ha azzardato molto con l'ambizioso romanzo Anima mundi, per essersi mossa lungo tracciati e percorsi più marcatamente interiori, in parte narrativamente risolti, in parte rimasti allo stato di enunciazione. La Tamaro ha pubblicato nel 2001 Verso casa, e poi ancora Rispondimi e Più fuoco più vento (2002). È anche autrice di testi per ragazzi, Cuore di ciccia (1994) e Il cerchio magico (1995).
W. M.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Trump "passa" il check up: qualche chilo di troppo ma salute eccellente

Tartaruga imprigionata nella plastica nel mare delle Eolie
Sos coccodrillo, da un anno gira con uno pneumatico al collo
Sony lancia il cane robot intelligente: si chiama Aibo