cerca

America e Urss, alleati per forza

La prima capitale dell'Europa occupata a tornare alla libertà è invece Parigi, il 24 agosto, con gli anglo-americani che per motivi di prestigio fanno entrare per prime le truppe della Francia libera di De Gaulle. A est Varsavia è insorta il I agosto ma le truppe russe, in ossequio alla realpolitk sovietica, non muovono un dito in aiuto dell'esercito clandestino polacco, l'Armia Krajowa di chiara matrice anticomunista, lasciando che i nazisti soffochino spietatamente la rivolta. Il 15 ottobre '44 le truppe jugoslave titine entrano a Belgrado, caso singolare nella storia della seconda guerra mondiale di auto-liberazione. Gli anglo-americani da ovest liberano Paesi Bassi e Belgio e le prime città tedesche, ma Patton viene fermato nella sua corsa verso Berlino dagli accordi presi con Stalin. Sarà la bandiera con la falce e martello a svettare sul Reichstag. Sempre i russi erano entrati a Budapest e Praga. Ed entrano anche a Vienna, estrema appendice occidentale della loro avanzata in Europa. L'Austria festeggia il 26 ottobre il riacquisto della sovranità (1955): per motivi geopolitici, nonostante la larghissima adesione popolare all'Anschlüss voluto da Hitler (che era austriaco), era stata considerata Paese aggredito, ma a sovranità limitata. La sua "garante" era naturalmente l'Urss. Una curiosità: l'Albania di liberazioni ne festeggia due: il 28 novembre dall'occupazione turca (1912), il 29 novembre dal nazifascismo. La storia ha aggiunto da pochi giorni la liberazione dell'Iraq dall'ultima grande dittatura del XX secolo.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Il tavolo per rilanciare Roma inizia tra le proteste

La straordinaria danza dei delfini al largo di Capri
Incendi, morte e paura: la California devastata dai roghi
Playboy, ecco la villa delle feste di Hefner con le conigliette

Opinioni