cerca

di ENRICO CAVALLOTTI L'ASCOLTO di Bach equivale ad una purificazione dello spirito.

Non solo. Questa bellezza di carattere estetico pare, nel detto capolavoro, permearsi d'una sostanza non tanto religiosa quanto etica: il Bello e il Bene fusi in un'unica materia, sí che l'emozione, il rapimento che prova colui che ascolta, hanno del prodigioso: come se l'essere umano si avvertisse capace d'un sentimento di plenitudine, di serenità, d'estasi, tenuto fino ad allora per inimmaginabile.
Anche le altre espressioni artistiche - la letteratura, l'architettura, il cinema, etc... - sono atte ad ingenerare tali stati d'animo previlegiati, ma certo si è che il linguaggio dei suoni, in virtú del proprio carattere asemantico ed universalistico, pare il segno ideale per conseguire tale effetto raro.
La musica di Bach non è utopía, nemmeno semenza del futuro, bensí concreto sinolo d'ogni passato e d'ogni presente: superamento dell'immanenza e delle stesse categorie della storia. Valore assoluto e perenne dell'universa sacertà dell'arte.
A siffatta visione s'informa anche la «Matthäuspassion», ove non si dà antinomia fra la possanza della ragione, che la governa pari ad una figura matematica, e l'afflato dell'imagine scolpita nel suono. Il messaggio evangelico qui s'intreccia, nel canto, all'apoteosi del linguaggio artistico che ha da quello ricevuto l'invito alla propria ragion d'essere: all'esplicazione dell'«Urgrund» o «causa prima».
Eccellente la prestazione del Bach-Collegium di Stoccarda diretto dal competentissimo Helmut Rilling e sostenuta da un cast vocale d'impeccabile competenza stilistica. Molti consensi, non molti presenti, peggio per gli assenti.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Fra cascate e rocce lo spettacolo mai visto dei tuffi no-limits

Il tavolo per rilanciare Roma inizia tra le proteste
La straordinaria danza dei delfini al largo di Capri
Incendi, morte e paura: la California devastata dai roghi

Opinioni