cerca

«RIVOLUZIONE E DINTORNI»

Dal pensiero giacobino i veleni dell'ideologia

Ora torna il libreria con un nuovo volume, «Rivoluzione e dintorni», che verrà presentato giovedì prossimo nel salone del «Tempo» da Domenico Fisichella, Gennaro Malgieri, Marcello Veneziani. Può essere spontaneo chiedersi: conviene ancora attardarsi nell'investigazione di un evento già tanto discusso come la Rivoluzione francese? Ossia, conviene esporsi all'accusa di prediligere quel «revisionismo» che qualcuno giudica inutile se non fazioso? Bisogna chiarire subito un punto: gli studi storici sono sempre «revisionati» nel senso che rivedono incessantemente i fatti del passato, per chiarirli meglio, per indagare particolari ancora oscuri, per rettificare prospettive inesatte. Tale opera è tanto più opportuna se si rivolge a eventi non lontanissimi nel tempo, e che hanno ancora conseguenze nel presente. E proprio questo è l'intendimento di Pedrizzi nel riconsiderare il senso storico, filosofico, politico e sociale della Rivoluzione francese, mostrandone i riverberi nei secoli che l'hanno seguita fino a oggi. Il genocidio vandeano fu il preludio e l'antecedente logico degli stermini del XX secolo. La spinta a cambiare tutto, secondo un disegno ideologico imposto dall'alto, è all'origine, in politica, della moderna mentalità totalitaria. Il pensiero giacobino, ateo e livellatore della società, è un veleno antiumano tuttora virulento: se ne coglie un tipico riflesso nell'attuale dibattito politico italiano, dove la sinistra presume di avere soltanto essa il diritto di governare, per cui il fatto di essere costretta all'opposizione è un incidente antistorico, determinato da un elettorato retrivo, manipolato, ignorante. L'uguaglianza, la libertà, la fraternità sono negate e sostituite semplicisticamente, stupidamente, dalla guerra dei buoni contro i cattivi. Si deve a questa mentalità se in Italia dobbiamo ancora fare i conti con due mancate riconciliazioni nazionali: dopo la guerra del Risorgimento, e dopo la guerra civile del 1943-45. Passando dall'Italia all'Europa, la stessa eredità giacobina è all'origine di una polemica incredibile: si vuole impedire che nella nuova costituzione europea si possa leggere un chiaro, preciso riferimento alle radici cristiane del Continente. Così si va contro la storia e la verità.
Riccardo Pedrizzi, «Rivoluzione e dintorni»

Editoriale Pantheon, 212 pagine, 12 euro

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Il camion dell'Atac blocca il tram. I passeggeri lo spostano a spinta

Victoria's Secret 2017: gli angeli conquistano la Cina
Roma, un Suv impazzito sfonda il muretto e finisce in giardino
A Rio de Janeiro va in scena Miss Bum Bum Premio al sedere più bello

Opinioni