cerca

Mario Luzi «Non sono mai stato un ermetico»

E lo fa con un'intervista-memoriale che appare sul prossimo fascicolo di «Nuova Antologia». Luzi intende così far piazza pulita di un giudizio affrettato poi registrato dai manuali di storia letteraria. Una definizione liquidatoria, a parere del poeta, che non consente di comprendere che quella poesia era invece aperta «all'umano». «Questa è una parola usata un po' denigratoriamente per Ungaretti dal critico Francesco Flora, che voleva pizzicarlo come poeta poco comunicativo», ricorda Luzi.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Degrado capitale, la stazione Termini è un gabinetto a cielo aperto VIDEO

La cassanata definitiva: "Ci ho ripensato, continuo a giocare"
Dopo le liti in tv relax al mare: Adriana Volpe in versione sirenetta
Roma, in viaggio seduti sul paraurti Così strappano un passaggio al tram

Opinioni