cerca

L'«Assunta Spina» di Mastelloni un inno alla donna emancipata

AL SANNAZARO DI NAPOLI

Rinasce mille volte e riesce sempre a dare scandalo con il suo candore di affabulatore incantato. Il brutto anatroccolo del palcoscenico italiano, l'ex "enfant terribile" demolitore del conformismo teatrale, che aveva conquistato anche i più scettici con i suoi monologhi dissacranti (da «Carnalità» a «Nudo e crudo»), si è fatto "cigno" e nuota beato in un laghetto della sua Napoli. Quel laghetto è il Teatro Sannazaro, dove nel '75 spiccò il volo, grazie alla benevolenza della popolare attrice delle farse partenopee Luisa Conte, e dove è ritornato per misurarsi, alla sua maniera (si capisce), con i testi della tradizione napoletana.
Luisa Conte non c'è più, però la nuova "regina" del Sannazaro, la nipote Lara Sansone, è dello stesso ceppo, dello stesso indomabile temperamento, probabilmente anche stesso talento, sicuramente più abbagliante per fascino e sensualità. Leopoldo Mastelloni nel suo «Passion Flower», rimpasto delirante dell'«Assunta Spina» di Salvatore Di Giacomo, ha sconvolto storia e personaggio del grande cantore del perbenismo ottocentesco partenopeo e ne ha fatto un monumento all'emancipazione femminile.
Ci sono anche il duce che fa il "bagno di folla" e Mina che ci ricorda quanto «E' amaro 'o bbene» nella messinscena di Mastelloni dove si declinano il teatro grottesco e il doppio senso farsesco da bocca buona, i lamenti di Viviani e gli acuti di Peppino Di Capri. E su tutti, anche sull'ex sciantosa Titina, sfatta e bisbetica (interpretata dall'eccellente Leopoldo con slancio surreale), spicca "la seduzione pericolosa" e infallibile di Lara Sansone, sirena ferita, spina senza rosa che punge le nostre emozioni e tiene svegli i nostri sentimenti.
«"Assunta Spina" è una commedia breve, scritta da un poeta più che da un drammaturgo, quale era Salvatore Di Giacomo - ha spiegato Leopoldo Mastelloni - Lo sfregio del rasoio del suo amante sulla sua guancia diventa un "ricamo". Io l'ho riempita di arbitrarietà artistiche per donarle un percorso teatrale intrigante e anomalo. Ho cercato di trasformare l'amore ingenuo e accecato dei due giovani in una voglia di crescere, nonostante gli ostacoli dei pregiudizi di una società repressiva che punta alla distruzione di cuori liberi e di opinioni critiche».
Un bocconcino troppo raffinato per il palato del pubblico abituato alle farse napoletane? «Il pubblico sceglie tra ciò che gli si offre. Al Sannazaro, tutte le sere, e spesso due volte al giorno, abbiamo la sala riempita da gente che preferisce noi al richiamo della sfera di cristallo televisiva».
Dalla tv Mastelloni è assente da molto tempo: forse gli piacerebbe ritornarci. «E a fare che? Oramai in tv tutto è consumo rapido, usa e getta, da "Zelig" a Sanremo. Non c'è memoria, se n'è andato Don Lurio e non l'hanno onorato, con uno special, o che so con una clip. Ecco, mi piacerebbe una tv dove in "prima serata" si possa rivedere una clip delle canzoni di Milly, o l'eclettico Alberto Lionello, il mitico Carmelo Bene, o la meravigliosa Milva. Mi piacerebbe condurre un programma così, sono certo che farebbe anche audience. Nell'attesa, il 30 marzo, farò "L'Angelo" da Catherine Spaak, su La7».

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Degrado capitale, la stazione Termini è un gabinetto a cielo aperto VIDEO

La cassanata definitiva: "Ci ho ripensato, continuo a giocare"
Dopo le liti in tv relax al mare: Adriana Volpe in versione sirenetta
Roma, in viaggio seduti sul paraurti Così strappano un passaggio al tram

Opinioni